Vino e Tavola: un nuovo modo d’intendere l’enogastronomia di qualità

Vino e Tavola: un nuovo modo d’intendere l’enogastronomia di qualità

L'ultima edizione di Vinitaly, a Verona dal 2 al 6 aprile 2009, ha visto il ritorno dei produttori d'eccellenza dell'Emilia-Romagna riuniti in ViTa - Vino e Tavola. Con i suoi componenti provenienti dal mondo del vino e della gastronomia, ViTa nasce su un comune senso d'intendere il lavoro e la tavola. La passione, l'autenticità ed il piacere nel curare il cibo ed il vino sono i denominatori comuni che hanno ispirato ViTa, trovando sostenitori in tutta la regione. Il carattere, l'indole e l'ironia degli emiliano-romagnoli si ritrovano nei loro prodotti, rivelando una nuova interpretazione dell'enogastronomia di qualità.

 

Il Padiglione Emilia-Romagna, Stand C 11, ha ospitato un'ampia area dedicata a ViTa. Un in cui incontrare e conoscere i produttori e un palcoscenico per degustazioni e divertissements a tema e avvicinarsi ai prodotti in modo più leggero, con un gusto gioviale e tipico di intendere la tavola come momento di piacere e convivialità. A completare il tutto la cucina di "Amerigo" di Savigno (BO).

 

I Produttori sono: i vini romagnoli di Altavita, i lambruschi modenesi dell' Azienda Agricola Cantina Barbolini,  le specialità conserviere de La Dispensa di Amerigo;  i vignaioli dei colli piacentini riuniti nel Consorzio Mosaico Piacentino come Il Baraccone, Il Poggiarello, La Stoppa, La Tosa, Lusenti e Torre Fornello; Fattorie Vallona con vini dei colli bolognesi; le pregiate miscele di caffè di Guizzardi Espresso; le bollicine dei colli bolognesi di Essé Brut, l'estro del vignaiolo romagnolo Leone Conti e l'acqua Galvanina Blu. Sponsor tecnico Integra tappi moderni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -