Superstock 600, Caricasulo conquista Misano. Razgatlioglu il titolo

Toprak Razgatlioglu ha conquistato a Misano il titolo europeo della Stock600. Il pilota turco è salito sul gradino più basso del podio, ma il grande vantaggio accumulato in stagione gli è stato utile per affermarsi aritmeticamente

Toprak Razgatlioglu ha conquistato a Misano il titolo europeo della Stock600. Il pilota turco è salito sul gradino più basso del podio, ma il grande vantaggio accumulato in stagione gli è stato utile per affermarsi aritmeticamente. In mattinata le prove avevano visto la pole position dello spagnolo Augusto Fernandez (Honda), seguito da Razgatlioglu (Kawasaki) e il riminese Michael Rinaldi (Kawasaki). Proprio Rinaldi ha bruciato tutti in partenza, ma Razgatlioglu ha preso il comando dopo tre giri. A metà gara Rinaldi si è rimesso in testa, fino all'ultimo giro, quando si è scatenata la bagarre per la vittoria. Ad aver la meglio il ravennate Federico Caricasulo, davanti a Niki Tuuli, Razgatlioglu e Rinaldi.

LA DELUSIONE DI RINALDI - "Fino ad un giro dalla fine il voto che darei a questo weekend è 10 - commenta Rinaldi -. Con la squadra abbiamo lavorato benissimo e la moto era davvero perfetta, ci è mancato soltanto di completare l'opera. All'ultimo giro ho sbagliato la strategia: ritrovandomi in testa ho chiuso le porte troppo presto, dovevo aspettare in quanto dietro non avevo solo Toprak, bensì altri due piloti. Ho perso tempo ad ogni sorpasso subito, ritrovandomi così in poco tempo dalla prima alla quarta posizione. Sono deluso per come si è conclusa la gara, resta da parte nostra la soddisfazione per l'ottimo lavoro svolto con tutto il team che ci ha permesso di confermarci ai vertici della categoria. Dopo la pausa estiva vedremo di rifarci a Jerez".

IL DOMINATORE DEL CAMPIONATO - Schierato dal team Kawasaki Puccetti Racing, Razgatlioglu si è dimostrato inafferrabile. Non solo è riuscito ad assicurarsi entrambi i successi di gara nel doppio round di Aragon, ma si è imposto anche ad Assen, Imola e Portimao: cinque successi su altrettante corse disputate in stagione, sei vittorie di fila, un nuovo record per la categoria. Questa striscia di risultati vincenti ha messo Razgatlioglu nelle condizioni ideali per poter agguantare il titolo a Misano. Nessun pilota prima di lui aveva mai mostrato un dominio di tale livello nella competizione.

WSS - Jules Cluzel (MV Agusta) partirà dalla pole nella Supersport. In prova ha avuto la meglio sul turco Kenan Sofuoglu (Kawasaki) distaccato di oltre quattro decimi secondo, con il tempo di 1’37.482 più basso di un secondo rispetto al record sulla pista di Michele Pirro. Il pilota francese è alla ricerca di riaprire il campionato che lo vede secondo dietro a Sofuoglu, distaccato di 40 punti. Patrick Jacobsen, che aveva guidato le libere mattutine, completa la prima fila con la sua Honda. Per Cluzel, domenica una MV Agusta con livrea speciale, ispirata ad un quadro di Ottavio Missoni. Ottimi sesto e settimo posto per i romagnoli Fabio Menghi (Yamaha) e Alex Baldolini (MV Agusta).

Qualifiche amare per Marco Faccani. Autore al primo giro di pista di un convincente riferimento cronometrico in 1'39"499, pochi istanti più tardi il talentuoso pilota ravennate è incappato alla curva del "Tramonto" in un highside risoltosi fortunatamente senza conseguenze. Impossibilitato a risalire in sella nel prosieguo della sessione, con soli due giri compiuti il portacolori del San Carlo Puccetti Racing si è pertanto ritrovato dodicesimo nella graduatoria dei tempi a 2"017 da Cluzel. Seppur amareggiato da questo sfortunato episodio, il Campione Europeo Superstock 600 2014 è motivato a realizzare domani una gara di rimonta dalla quarta fila sin dallo spegnimento del semaforo in programma alle 11:40.

Dall'inviato, Maurizio Mari

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -