Al Milan la battaglia del 'San Paolo', Napoli ko con onore

Al Milan la battaglia del 'San Paolo', Napoli ko con onore

Al Milan la battaglia del 'San Paolo', Napoli ko con onore

NAPOLI - L'impresa al Napoli questa volta non è riuscita. Davanti agli oltre 50mila del San Paolo, la squadra di Walter Mazzarri è stata sconfitta dal Milan per 2-1. I rossoneri, dopo la delusione del Bernabeu in Champions, sono scesi in campo con spirito aggressivo, mentre i partenopei più timorosi, proprio come giovedì scorso contro il Liverpool. E così al 24' è arrivato il goal di Robinho, con un colpo di biliardo che si è infilato alla destra di De Sanctis.

 

A quel punto gli azzurri hanno tirato fuori l'orgoglio, trasformando la partita in una battaglia senza esclusione di colpi sotto la pioggia battente. Lavezzi e Cavani ci hanno provato, ma l'errore più grossolano l'ha commesso Yebda, che ha sprecato una palla d'oro dal limite dell'area piccola. Al 46' l'arbitro Rizzoli ha espulso Pazienza per fallo di mano. L'inferiorità numerica non ha impedito al Napoli di cercare il pareggio. Super l'intervento di Abbiati sul colpo di testa di Lavezzi.

 

Nella ripresa l'estremo difensore rossonero ha salvato i suoi in più di un'occasione. Ma al 27' Ibrahimovic ha trovato il raddoppio con un colpo di testa. Il Napoli non ha alzato bandiera bianca, sognando una rimonta simile a quella di un anno fa, quando in vantaggio per 2-0 al 90', i rossoneri si fecero raggiungere da Cigarini e Denis. Questa volta l'impresa è stata solo sfiorata. Lavezzi si è inventato al 33' un cucchiaio in mezzo all'area rossonero che si è infilato sotto la traversa.

 

Ma alla fine i 3 punti sono andati al Milan. Ora la squadra di Max Allegri è a due lunghezze dalla capolista Lazio, mentre il Napoli resta fermo a 12 punti, a pari meriti con la Juventus. "La responsabilità di giocare per l'alta classifica ci inibisce. Non eravamo noi", ha commentato a caldo Mazzarri. "Dopo aver preso il cazzotto dell'espulsione, paradossalmente abbiamo giocato meglio, ma avrei preferito restare in 11".

 

"Sino al 2-0 la superiorità numerica l'abbiamo sfruttata bene - ha commentato Allegri -. Loro hanno avuto una reazione ma poi abbiamo ripreso la partita in mano. Abbiamo commesso qualche errore nell'ultimo passaggio ma abbiamo disputato una buona partita. Rispetto a Madrid questo Milan mi è piaciuto molto, anche se qualche volta siamo stati frettolosi dopo il 2-0".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -