Australian Open: Federer è mostruoso, umiliato Del Potro

Australian Open: Federer è mostruoso, umiliato Del Potro

Australian Open: Federer è mostruoso, umiliato Del Potro

I primi quarti dell'Australian Open trovano un grande Roger Federer che si sbarazza di Del Potro centrando le semifinali, la 19esima consecutiva per lui in uno Slam, dove affronterà Andy Roddick. Lo svizzero ha ritrovato i colpi e la potenza dei tempi migliori, regolando l'argentino, testa di serie numero 8, in tre set dopo (6-3, 6-0, 6-0). Numeri impressionanti dello svizzero: 12 ace, 38 colpi vincenti, 25 discese a rete e 21 punti, 70% di prime palle, 83 punti vinti contro i 36 di del Potro.

 

Servizio potente, grande profondita' e precisione, tocchi raffinati e difficili, pochi errori: Federer nel suo show ha recitato un monologo demolendo Del Potro in appena un'ora e 20 minuti, rifilandogli 13 giochi consecutivi. Nadal e' avvertito. "Non mi aspettavo un risultato del genere - ha commentato Federer - Non e' usuale. Credo che Juan Martin non fosse al meglio oggi, altrimenti sarebbe stato un match piu' combattuto. Oggi ho giocato veramente molto bene. Mi e' riuscito tutto ed e' una bella sensazione. Ho provato piccole cose e hanno funzionato. Spero di poter mantenere questa forma".

 

In semifinale c'e' Roddick: "E' sempre bello giocare Andy- ha proseguito lo svizzero- Lo conosco da tempo, abbiamo fatto tante grandi partite uno contro l'altro. Ha un servizio molto potente, ha molto temperamento. Inoltre e' mio coetaneo, che e' piacevole perche' tutti gli altri sono piu' giovani!". Nel primo set Federer ha strappanto il servizio all'argentino nel quarto gioco chiudendo 6-3 grazie a un ottimo servizio (sei ace nel set). Dal secondo set in poi Del Potro e' sparito: subito break dello svizzero al primo gioco, con una volee bellissima, nel terzo e nel quinto e chiusura 6-0 in appena 26 minuti. Terzo set ancora break Federer in apertuta, nel terzo e nel quinto game per il secondo 6-0.

 

Nell'altro quarto, Andy Roddick ha battuto il campione in carica Novak Djokovic per il ritiro di quest'ultimo nel quarto set (6-7, 6-4, 6-2, 2-1) causa un colpo di calore. Il serbo e' stato polemico nei confronti degli organizzatori a causa degli orari dei match: "Era difficile, le condizioni erano estreme. Avevo i crampi e dolore in tutto il corpo- ha detto Djokovic- E' stata una sfortuna finire cosi' il torneo. Faceva troppo caldo. Ci hanno costretto a giocare di pomeriggio, con 40 gradi dopo che avevo finito il precedente match alle 3 di notte. Avevo chiesto di giocare di sera ma gli organizzatori non mi hanno voluto ascoltare. Non ho avuto tempo di recuperare".

 

Domani invece gli altri due quarti che vedranno la sfida incrociata Spagna-Francia: Rafa Nadal affrontera' Gilles Simon, Fernando Verdasco sara' opposto a Jo-Wilfried Tsonga.

 

Nel torneo femminile le prime semifinaliste sono le russe Vera Zvonareva e Dinara Safina che hanno battuto, rispettivamente, la francese Marion Bartoli e l'australiana Jelena Dokic. Match facile per la Zvonareva che si e' sbarazzata della francese per 6-3, 6-0, infliggendole 11 giochi di fila che le hanno regalato la prima semifinale della carriera in un torneo dello Slam. "Sono davvero contenta, e' una grande giornata per me- ha detto- Ho giocato benissimo, ma non penso alle statistiche, ai set o ad altre cose. Mi concentro su ogni partita cercando di fare del mio meglio. Penso di aver fatto molto bene finora".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In semifinale la 24enne moscovita se la vedra' con la connazionale Safina, testa di serie numero 3, che ha faticato contro la Dokic, battuta in tre set (6-4, 4-6, 6-4). L'australiana, semifinalista a Wimbledon, faceva il suo ritorno in uno Slam dopo tre anni di assenza a causa di problemi personali. "Non sono dispiaciuta per questa eliminazione- ha detto- E' stato comunque un grande inizio del 2009 per me, non potevo chiedere di meglio. Posso solo migliorare". Primo set senza difficolta' per la Safina; nel secondo la russa ha recuperato un break andando al servizio sul 5-4 Dokic, ma ha commesso due doppi falli che hanno consegnano il set all'avversaria. Nel terzo break della russa nel terzo game, poi contro-break all'ottavo della Dokic che al nono ha salvato una palla break, ne ha sprecate due cedendo poi il game alla russa che ha potuto servire per il match. La Safina ha salvato due palle break prima di chiudere 6-4. Domani sono in programma gli altri due quarti di finale: la statunitense Serena Williams, testa di serie numero 2, affrontera' la russa Svetlana Kuznetsova (8), mentre la spagnola Carla Suarez Navarro se la vedra' con la russa Elena Dementieva, testa di serie numero 4.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -