Bahrain, day 1. Alonso: ''Vettura ok, ma c'è da lavorare''

Bahrain, day 1. Alonso: ''Vettura ok, ma c'è da lavorare''

Bahrain, day 1. Alonso: ''Vettura ok, ma c'è da lavorare''

SAKHIR - "E' stata una giornata positiva". E' un Fernando Alonso piuttosto soddisfatto quello al termine della prima giornata di prove libere del Gran Premio del Bahrain, round d'apertura del mondiale 2010 di F1. Lo spagnolo della Ferrari ha chiuso la sessione mattutina con il secondo tempo (1'56''766) alle spalle della Force India di Adrian Sutil, mentre nel pomeriggio non è riuscito a migliorare la sua prestazione non andando oltre il crono di 1'57''140.

 

Ma lo spagnolo non ha sfruttato la gomma morbida, lavorando in funzione gara: "Abbiamo verificato il comportamento delle gomme in funzione delle alte temperature della pista - ha spiegato il due volte campione del mondo -, ed abbiamo raccolto buone informazioni. Inoltre non abbiamo avuto problemi significativi e questo è molto positivo". Secondo il pilota di Oviedo tutti i top team sono arrivati in Sakhir in ottima forma, ma tra gli outside bisogna tener d'occhio la Force India.

 

Difficile, tuttavia, fare un'analisi precisa: "Lo scopriremo solo durante le qualifiche. La vettura sta andando bene, ma c'è ancora molto da fare". Alonso si è detto sorpreso delle pista: "Ho trovato molti salti. Quando l'avevo controllata non avevo avuto questa impressione". Poi la rivelazione: "Senza Jean Todt sarei arrivato prima alla Ferrari. E senza Ron Dennis non avrei lasciato la McLaren".

 

Quindi un commento su Michael Schumacher: "Nel 2006 voleva vincere il mondiale". "Era il suo ultimo anno, ma non c'è riuscito a causa mia. Quindi cercherà in tutti i modi di battermi quest'anno".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -