Calcio, delusione ''europea''. Prodi: ''Ci contavo''

Calcio, delusione ''europea''. Prodi: ''Ci contavo''

CARDIFF – Polonia-Ucraina battono Italia 8-4.Delusione profonda per il calcio italiano, che da Cardiff subisce uno schiaffo sonoro dalla Uefa. Gli Europei di calcio del 2012, infatti, non si terranno nel nostro Paese ma in Ucraina e Polonia. Una scelta che ha fatto addirittura scendere le lacrime sul volto del ministro per lo Sport, Giovanna Melandri.

"Non me l'aspettavo. Avevo parlato con Boniek che non era assolutamente convinto della forza della candidatura di Polonia-Ucraina. E' una sconfitta grave". Così Dino Zoff, campione europeo nel 1968 a Roma, ha commentato ai microfoni di Sky la notizia dell'assegnazione di Euro 2012 a Polonia e Ucraina.

Per l’Italia campione del mondo si tratta di una beffa assoluta. La perfetta organizzazioni delle Olimpiadi di Torino nel 2006 sembravano aver aperto la strada verso l’assegnazione degli Europei all’Italia. Ma forse la brutta immagina offerta dai continui scandali di questi ultimi mesi ha indotto l’Uefa a dare una severa punizione al nostro calcio.

PRODI: ''CI CONTAVO'' - "Sono molto dispiaciuto, perche' ci contavo. Vediamo quali sono le ragioni" di questa mancata assegnazione. Il premier Romano Prodi parla ad una conferenza stampa a Seul in tarda serata dopo aver incontrato gli imprenditori italiani che lavorano in Corea del Sud.

PANCALLI: ''HA PREVALSO NUOVA STRATEGIA UEFA'' - ''La decisione dell'Uefa va rispettata. Evidentemente, ha pesato la volonta di dare un'opportunita' ai paesi dell'Est''. Luca Pancalli, ex commissario della Figc e presidente del Comitato promotore della candidatura italiana, commenta cosi' il verdetto espresso dalla Uefa, che ha assegnato gli Europei del 2012 a Ucraina e Polonia.

MELANDRI: ''VINCEREMO SUL CAMPO'' - ''Complimenti a Polonia e Ucraina, adesso cerchiamo di vincere sul campo gli Europei del 2012 per proseguire nel processo di rinnovamento del pallone italiano''. Giovanna Melandri, ministro delle Politiche giovanili e delle attivita' sportive, commenta cosi' la sconfitta dell'Italia nella corsa a Euro 2012. Il torneo continentale e' stato assegnato a Polonia e Ucraina. ''Sono convinta che la presentazione della nostra candidatura sia stata ottima, accettiamo il verdetto con fair play''.

PLATINI: ''VITTORIA CON MERITO DI POLONIA E UCRAINA'' - Oggi la candidatura di Polonia/Ucraina e' stata scelta dal Comitato Esecutivo per ospitare gli Europei del 2012 e ha sicuramente vinto con merito. Ma non ci sono sconfitti oggi, solo candidature che non hanno vinto in questa occasione". Cosi' il presidente Uefa Michel Platini nell'annunciare l'assegnazione della rassegna continentale a Polonia e Ucraina.

MATARESSE: ''DECISIONE PRESA DA TEMPO'' - La decisione di assegnare gli Europei del 2012 a Polonia e Ucraina la Uefa l'aveva presa da tempo. Sono convinto che anche se ci fossimo presentati con una federazione forte non sarebbe cambiato nulla. E' la filosofia dell'Uefa che e' cambiata con l'elezione di Michael Platini. Noi veniamo da una delle piu' grandi tragedie del calcio italiano". E' duro il commento del presidente della Lega calcio, Antonio Matarrese a La7 sulla mancata assegnazione all'Italia degli Europei del 2012.

ABETE: ''GRANDE AMAREZZA'' - "Quella dell'esecutivo Uefa e' una scelta di politica sportiva, una scelta che ci amareggia: eravamo fiduciosi e avevamo l'aspettativa di organizzare gli Europei del 2012, accettiamo con serenita' il verdetto ma rimane la delusione". Sono le parole amareggiate di Giancarlo Abete, presidente della Figc, dopo l'inaspettata sconfitta della candidatura italiana al voto decisivo per l'assegnazione degli Europei del 2012, che si giocheranno in Polonia e Ucraina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

BONIEK: ''SCONFITTA ITALIANA'' - Piu' che una vittoria della Polonia, e' stata una sconfitta dell'Italia, penso che lo stesso Platini si sia stupito dell'esito finale della votazione". Zibi Boniek, intervento ai microfoni di 'Rete Sport', ha commentato cosi' l'assegnazione degli Europei 2012 a Polonia e Ucraina anziche' all'Italia. L'ex giocatore di Juventus e Roma ha continuato: "Non ero a Cardiff, come mi aveva proposto il governo di Varsavia. Nel mio paese nell'ultimo periodo si e' lavorato assai duramente, pensate che 2 anni fa vi e' stato addirittura un referendum con cui si chiedeva al popolo se si volessero o meno questi Europei, a dimostrazione dell'impegno profuso anche dal governo". "E' una vittoria di tutto il paese -ha aggiunto-, nel corso della storia abbiamo sempre subito molto, ed Euro2012 sara' anche la dimostrazione che la Polonia non si trova ai confini della civilta'".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -