Calcioscommesse, bufera sul Torino

Calcioscommesse, bufera sul Torino

TORINO - Bufera sul Torino. Secondo quanto riportato da "La Gazzetta dello Sport", la Procura Federale della Figc avrebbe aperto un'inchiesta sulla partita Torino-Crotone che si è disputata il  28 novembre scorso per un'ipotesi di calcioscommesse. Il match, che è costato la panchina a Stefano Colantuono, si concluso 2 a 1 a favore degli ospiti, un risultato che i bookmakers pagavano a 20 e per il quale sarebbero nel mirino almeno tre giocatori granata.

 

Gli ospiti riuscirono a segnare due gol nel giro di 4 minuti, al 22' e al 26' del primo tempo, con Petrilli e Bonvissuto. In entrambi i casi grazie a due svarioni difensivi. Inutile il gol di Bianchi al 29' del primo tempo. "Sono chiacchiere fastidiose e infondate", ha commentato il presidente del Torino, Urbano Cairo. "Ho parlato con il direttore generale della Federcalcio, Antonello Valentini, e mi ha detto che al momento non c'è alcuna inchiesta in corso", ha aggiunto il patron granata. "Non vorrei - sottolinea Cairo - che fossero voci messe in giro ad arte".

 

Ad inasprire la tensione nell'ambiente granata sono state anche le dimissioni del direttore sportivo Rino Foschi. A dare l'ufficialità è stato un comunicato, di poche, sul sito della società, spiegando che la decisione è stata "per motivi personali". Pare che non andare giù a Cairo sia stata la scelta di Colantuono, rivelatasi non positiva. "Non è così", ha assicurato il presidente. "Me ne vado perché non sentivo più la fiducia della società", ha commentato l'ex ds.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -