Con la Nuova Zelanda l'Italia fa flop, Lippi: ''Mancata la lucidità''

Con la Nuova Zelanda l'Italia fa flop, Lippi: ''Mancata la lucidità''

Con la Nuova Zelanda l'Italia fa flop, Lippi: ''Mancata la lucidità''

NELSPRUIT - "Dovevamo vincere". E' un Marcello Lippi decisamente deluso dopo l'1-1 dell'Italia con la modesta Nuova Zelanda. In virtù del pareggio nel match d'esordio a Città del Capo contro il Paraguay, i campioni del mondo rischiano l'eliminazione già nella prima fase. Nel prossimo match contro la Slovacchia serviranno tre punti, anche se gli azzurri possono arrivare agli ottavi qualora il Paraguay battesse la Nuova Zelanda. Ma il Lippi vuole un'Italia diversa.

 

"Possiamo fare molto meglio di così e vogliamo andare avanti", ha evidenziato il ct. Lippi però sembra apparentemente fiducioso, ricordando il cammino dell'Italia di Berzot nel 1982. "Siamo in una situazione di difficoltà - ha ammesso - ma non siamo nel panico". Quindi un analisi sul match: "È mancata la lucidità, non la volontà. La qualità in campo c'era, ma non l'abbiamo sfruttata. Abbiamo continuato a buttare palloni in area con difensori alti due metri".

 

Lippi ha poi difeso le scelte sui giocatori convocati per i Mondiali. "Non sono per niente pentito per le mie scelte. Di fenomeni a casa che potevano risolvere i problemi avuti oggi non ce n'erano". Giovedì il ct non potrà fare affidamento su Andrea Pirlo: "È un gran giocatore ma non è ancora pronto".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -