De Laurentiis punge Mourinho: ''Lo prenderei come attore''

De Laurentiis punge Mourinho: ''Lo prenderei come attore''

De Laurentiis punge Mourinho: ''Lo prenderei come attore''

NAPOLI - Il Napoli ha il suo Josè Mourinho: si chiama Walter Mazzarri. Parola del presidente azzurro Aurelio De Laurentiis. Il tecnico toscano, da quando è subentrato a Roberto Donadoni, ha conquistato 16 risultati utili, di cui 15 consecutivi prima della sconfitta di Udine. Nel posticipo della 24esima di campionato il Napoli ha tenuto testa all'Inter, sfiorando il colpaccio. "Nella mia eventuale lista sarebbe l'ultimo - ha affermato il vulcanico produttore cinematografico -. Io non cambierei Mazzarri con Mourinho nemmeno se me lo regalassero. Come attore invece Mourinho lo prenderei, io ho prodotto 'Tifosi' quando non capivo nulla di calcio, adesso mi divertirei un mondo a fare 'Tifosi 2'".

 

E non si è fatta attendere la replica dello Speciale One: "E' un signore piccolino che è sempre in tv, che ha parlato prima di me e che non ha capito che il calcio non è Hollywood". Ma De Laurentiis non ha parlato solo di Mourinho, ma ha esaltato la grande prestazione dei suoi. "ho visto un grande Napoli, contro un'Inter che ha giocato tutte le sue cartucce, ha schierato i suoi campioni. Nonostante mancassero Dossena e Maggio, due assenze importantissime la squadra ha fatto vedere che i 22 della rosa sono di prima scelta".

 

Il Napoli si conferma al quarto posto, in piena zona Champions, con 39 punti. "La classifica non la guardo nemmeno - ha dichiarato il presidente -. Questi sono giochi da bar. A me interessa che il Napoli possa maturare all'interno di un calcio in evoluzione, e che ci sia quella oggettività che mi auguro tra 2-3 anni potremo dare, così tutti si calmeranno e nessuno potrà fare dietrologie assurde".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -