Alonso conquista Hockenheim, Germania tabù per Vettel

La vittoria del ferrarista vale doppio poichè maturata nel giorno in cui Sebastian Vettel non è andato oltre un quinto posto, Mark Webber è finito solo ottavo, mentre Lewis Hamilton è stato costretto al ritiro

Fernando Alonso conquista Hockenheim ed accenna la prima fuga mondiale. La vittoria del ferrarista vale doppio poichè maturata nel giorno in cui Sebastian Vettel non è andato oltre un quinto posto, Mark Webber è finito solo ottavo, mentre Lewis Hamilton è stato costretto al ritiro nella gara numero 100 della carriera. Lo spagnolo è stato semplicemente perfetto, respingendo cronometricamente gli attacchi di Jenson Button e Vettel a loro agio con le gomme medie.

Alonso però ha controllato magistralmente l'usura dei pneumatici, mentre alle loro spalle Button e Vettel hanno fatto a sportellate per il secondo posto. Il tedeschino alla fine ha scavalcato la McLaren del britannico, mettendo però tutte e quattro i pneumatici oltre il cordolo. Ragion per cui è stato penalizzato a fine gara e retrocesso in quinta posizione. Solo 12esimo Felipe Massa, condizionato da un contatto al via con rottura dell'ala anteriore. "Il passo gara era buono, quello che mi è successo all'inizio ha rovinato la gara", ha affermato il brasiliano.

“Vincere in Germania per uno spagnolo su una macchina italiana è fantastico, politica a parte - è la stoccata di Alonso -. La pole mi ha dato una mano, perchè non era facile fare sorpassi. Ma è stata dura. Siamo riusciti a vincere una gara in cui forse non eravamo i più veloci. Ma siamo stati perfetti, anche nei pit stop". l due volte campione del mondo ha ammesso che temeva Vettel, in particolar in chiave campionato. Quindi ha elogiato la Ferrari: "Eravamo indietro ad inizio stagione, ma in fabbrica hanno lavorato duramente. E dopo 10 gare siamo in testa, è davvero incredibile".

Prima della pausa estiva c'è la tappa in Ungheria: "Non sarà facile, ma arriviamo con molta fiducia". Ora Alonso ha 34 punti di margine su Webber e 40 su Vettel. Quest'ultimo ha analizzato il sorpasso su Button: "Non sapevo quanto spazio ci fosse, anche se l'ultima cosa che volevo era venire in contatto con lui. Era difficile, ma non potevo fare in modo diverso". Felice Button: "E' stato bello per me tornare a lottare per i primi posti".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -