Alonso sprona la Rossa: "C’è ancora molto lavoro da fare"

“C’è ancora molto lavoro da fare”. Fernando Alonso avverte la Ferrari dopo il secondo posto conquistato al Montmelò alle spalle della Williams di Pastor Maldonado

Credit Infophoto

“C’è ancora molto lavoro da fare”. Fernando Alonso avverte la Ferrari dopo il secondo posto conquistato al Montmelò alle spalle della Williams di Pastor Maldonado che gli ha permesso di prendere la leadership del campionato, in coabitazione con Sebastian Vettel. Lo spagnolo ha sfruttato al massimo gli aggiornamenti sulla F2012: “Possiamo essere fieri – ha detto il ferrarista -. Dopo Cina e Bahrain in cui avevamo sofferto tantissimo, essere tornati a lottare per il podio dà fiducia".

L'obiettivo principale è quello di recuperare ancora un po' di carico aerodinamico, nonostante le nuove ali e la nuova configurazione di scarichi e diffusore. Restano da risolvere i problemi di trazione, mentre è migliorata la velocità sul dritto, che è stato l’autentico Tallone d’Achille per la rossa nelle prime quattro gare. “Non abbiamo fatto il miglior lavoro in fase di progettazione della macchina – ha evidenziato l’asturiano -, ma possiamo essere fieri di come siamo riusciti a sfruttare tutto il potenziale a nostra disposizione".

"C'è ancora molto lavoro da fare per avere una vettura in grado di lottare per la vittoria su tutte le piste e in ogni condizione", ha fatto eco allo spagnolo il direttore tecnico della Scuderia di Maranello, Pat Fry. Fra due settimane il “Circus” della F1 farà tappa a Montecarlo, senza particolari novità tecniche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi a Montreal dovrebbe arrivare un ulteriore pacchetto di novità soprattutto per migliorare le velocità di punta. “Il potenziale della vettura è sicuramente migliorato – ha detto Felipe Massa, la cui gara è stata condizionata da una penalizzazione -. Non abbiamo ancora la macchina più veloce ma sembra che ci stiamo muovendo sulla strada giusta”.
 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -