Australia, Vettel solo 6°: "Niente panico, ma McLaren superiori"

Non bluffava quando diceva che la Red Bull avrebbe sofferto in qualifica. Sebastian Vettel è il grande deluso del sabato di Melbourne. Il due volte campione del mondo non è andato oltre la sesta posizione

(credit TM News/Infophoto)

Non bluffava quando diceva che la Red Bull avrebbe sofferto in qualifica. Sebastian Vettel è il grande deluso del sabato di Melbourne. Il due volte campione del mondo non è andato oltre la sesta posizione, battuto anche dal compagno di squadra Mark Webber. “E’ andata più o meno come ci aspettavamo – ha affermato il tedesco -. C’è stato molto equilibrio in tutte e tre le manche e le gerarchie sono spesso cambiate. Comunque le McLaren non erano alla nostra portata”.

Vettel ha ammesso di averci messo anche del suo per partire dalla terza fila, probabilmente innervosito dalla mancata stabilità della sua Red Bull: “Non ero contento del mio ultimo tentativo. Ho fatto una sbavatura all’inizio del giro, altrimenti potevo esser più avanti, ma non con le McLaren. Complimenti a Hamilton e Button, che sono stati molto veloci. Vedremo cosa possiamo fare in gara”.

Vettel ha poi analizzato il comportamento della Red Bull: “Non è una situazione disastrosa – ha premesso -. Certo, ci piacerebbe esser più avanti e lottare per la pole, ma non eravamo sufficientemente competitivo. Niente panico, la gara è domenica e non siamo stati ancora battuti”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -