Bufera Ferrari, Ecclestone: ''Ordini di scuderia? Perchè no''

Bufera Ferrari, Ecclestone: ''Ordini di scuderia? Perchè no''

Bufera Ferrari, Ecclestone: ''Ordini di scuderia? Perchè no''

LONDRA - Legalizzare i giochi di squadra in F1. E' il parere del patron della F1, Bernie Ecclestone, dopo l'episodio Massa-Alonso di domenica scorsa ad Hockenheim. "Confesso che sarei d'accordo con chi pensa che sarebbe il caso di abolire la norma che vieta i giochi di squadra - ha affermato Ecclestone -. Credo che ciò che fanno i componenti all'interno del team, e come gestire il loro team, spetti a loro".

 

La normativa in questione, la 39.1, venne introdotta dopo l'episodio del Gran Premio d'Austria del 2002, quando l'allora team principal della Ferrari, Jean Todt, ora a capo della Fia, ordinò a Rubens Barrichello, in quel momento leader della corsa, di farsi scavalcare da Michael Schumacher.

 

Una decisione che provocò non poco scalpore, dato che il campione di Kerpen si trovava in vetta al campionato con un ampio margine di punti sul diretto inseguitore. Da allora la Fia mise il veto agli ordini di scuderia. Un veto che la Ferrari auspica che venga cancellato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -