F1 - Montezemolo: ''La Ferrari è una signora squadra''

F1 - Montezemolo: ''La Ferrari è una signora squadra''

FIORANO - Il presidente della Scuderia Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, ha festeggiato martedì sera i 15 anni della sua seconda esperienza con il team di Maranello e lo ha fatto con la tradizionale cena di auguri di fine anno con la stampa. Presenti anche Jean Todt, Michael Schumacher, Piero Ferrari, Antonio Ghini e Luca Colajanni.

Chiusa l'era Schumacher, Montezemolo ha aperto ufficialmente l'era Raikkonen - Massa. Il finlandese debutterà con la Rossa tra il 21 e il 23 gennaio dove sarà impegnato nei test sui circuiti di Fiorano e del Mugello.

La nuova monoposto verrà presentata presubilmente tra il 15 e il 20 gennaio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo pronti per vincere di nuovo'' ha dichiarato Montezemolo. ''Così Jean Todt potrebbe andare in pensione tranquillo e io potrei ritirarmi ad Anacapri" ha scherzato il presidente della Ferrari.

Poi fa un bilancio della cosiddetta era Schumacher: ''Perso uno come Schumacher, posso dire che la Ferrari è una signora squadra. Schumi arrivò nel momento giusto. Prima non avrebbe vinto. Dal 1997, escludendo il 2005, quando non ci siamo presi il titolo lo abbiamo perso all'ultima gara’’ . Montezemolo sperava in cuor suo che il tedesco corresse ancora un anno, ricordando l’ultimo Gran Premio del Brasile: ‘’Sono vecchio di questo mondo, ma raramente ho visto disputare una gara come la sua in Brasile. Difficile vederla da un pilota in odor di ritiro.'' ha commentato Montezemolo.

Il presidente ha parlato anche della nuova epoca Ferrari: ''C'è una squadra che ha perso Schumi, Brawn, Martinelli, ma che ha veterani come Costa, Simon, Baldisserri, Battistini. Ci sono Michael nel suo nuovo ruolo di assistenza organizzativa, Domenicali, Alemondo. Credo che se non ci fosse questa nuova sfida Todt non avrebbe rinnovato il suo impegno".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -