Ferrari F150, le novità illustrate dall'ingegner Aldo Costa

Ferrari F150, le novità illustrate dall'ingegner Aldo Costa

Ferrari F150, le novità illustrate dall'ingegner Aldo Costa

MARANELLO - Il progetto della nuova F150 è nato da un foglio completamente bianco nella parte posteriore della macchina, con l'abolizione del doppio diffusore, del condotto F-duct (l'ala soffiatta studiata nel 2010 dalla McLaren e sviluppata poi dalle altre squadre) ed una serie di regolamenti nuovi riguardanti l'area del fondo della vettura. Il direttore tecnico della Ferrari, Aldo Costa, ha illustrato la nascita della nuova monoposto che avrà il compito di riportare a Maranello il titolo piloti dopo tre anni di digiuno.

 

>LE IMMAGINI DELLA NUOVA FERRARI F150

 

Costa ha spiegato come "la parte anteriore della scocca è cambiata. Non possiamo adottare il doppio diffusore, inoltre l'ala posteriore sarà mobile e quella anteriore non sarà più regolabile". Altri cambiamenti sono legati al Kers, che ritorna dopo il 2009. "Anche se ottimizzato con le dimensioni è abbastanza ingombrante, quindi ha costretto i tecnici a rivedere il layout della vettura", ha spiegato il progettista.

 

Sono inoltre state revisionate alcune strutture di sicurezza: "La scocca avrà migliori protezioni e avrà due pannelli laterali per proteggere le gambe del pilota". Rivisti anche gli scarichi. "Queste sono state le sfide più grandi e che ci hanno fatto ripartire da capo ripensando tutto il progetto", ha evidenziato Costa. La F150 che debutterà in pista nei test di Valencia sarà profondamente rivista rispetto a quella che debutterà in Bahrain, sede dell'apertura del campionato.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'evoluzione della monoposto è stata concepita in due macro fasi. Nel corso delle prove invernali, dove sarà sviluppata prevalentemente la parte meccanica. Quindi ci si concentrerà sull'aerodinamica, con nuove soluzioni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -