Gp Australia, Vettel: "C'è potenziale". Webber: "Peccato per la partenza"

La Red Bull ha "molto potenziale". Né è convinto Sebastian Vettel dopo il secondo posto ottenuto nel Gran Premio d'Australia, prova d'apertura del mondiale di F1

La Red Bull ha “molto potenziale”. Né è convinto Sebastian Vettel dopo il secondo posto ottenuto nel Gran Premio d’Australia, prova d’apertura del mondiale di F1, a sandwich tra le McLaren di Jenson Button e Lewis Hamilton. Scattato dalla sesta posizione, il tedeschino si è portato subito al quarto posto. Poi, approfittando del ritiro di Michael Schumacher (Mercedes Gp) e dell’ingresso della safety car a 17 giri dal termine, è riuscito a risalire sino al piazzamento d’onore.

Vettel ha tenuto a sottolineare che il secondo posto l’avrebbe ottenuto senza l’entrata in pista della macchina di sicurezza: “Comunque mi ha aiutato”. Il due volte campione del mondo in carica ha anche commesso una sbavatura mentre stava dando la caccia a Schumacher: “Ho fatto un errore finendo largo alla curva 1, ma poi lui me l’ha restituito. Sono soddisfatto di queste secondo posto, perché ho raccolto punti pesanti che non mi aspettavo dopo le qualifiche”.

Soddisfatto anche Mark Webber, quarto: “Il ritmo di gara non era male, peccato per la brutta partenza. Devo capire cosa è successo”. L’australiano si è trovato a sandwich tra una Toro Rosso e la Force India di Nico Hulkenberg, rischiando venendo urtato da entrambi i lati: “Fortunatamente la gara non è finito li – ha sottolineato -. La macchina era abbastanza difficile da guidare, ma sono riuscito ad andare avanti. Nel finale ero più veloce di Lewis, ma qui è difficile fare sorpassi”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -