Gp Germania, ordini di scuderia in Ferrari. Domenicali respinge il 'processo'

Gp Germania, ordini di scuderia in Ferrari. Domenicali respinge il 'processo'

Gp Germania, ordini di scuderia in Ferrari. Domenicali respinge il 'processo'

HOCKENHEIM - Ad avvelenare la schiacciante doppietta Ferrari ad Hockenheim è stato il sorpasso di Fernando Alonso su Felipe Massa al giro numero 49 che ha dato il via libera al trionfo dello spagnolo, ora rientrato prepotentemente in corsa per il Mondiale. Ma il team principal della Scuderia di Maranello, Stefano Domenicali, respinge le polemiche, nonostante la multa da 100 mila dollari per "violazione delle regole" ed il deferimento al Consiglio Mondiale.

 

"Nell'interesse dello sport abbiamo deciso di astenerci dall'avvio della procedura di appello, confidando che il Consiglio Mondiale saprà valutare correttamente i fatti nel loro complesso", ha affermato Domenicali. Quel che più importa sono i 45 punti incassati in un solo colpo, la certezza di poter lottare con Alonso per il titolo Piloti (ora Lewis Hamilton è lontano solo 34 punti), e la ritrovata competitività di Massa, che in Germania ha fatto vedere di esser un pilota vincente.

 

"Prima di tutto voglio fare i complimenti alla squadra per questo fantastico risultato, frutto del lavoro svolto con passione, capacità ed impegno da tutti, in pista e a Maranello, giorno dopo giorno - ha affermato Domenicali -. Era già da alcune gare che avevamo visto che il livello della prestazione della nostra macchina era cresciuto e domenica ne abbiamo finalmente raccolto i frutti".

 

Il team principal ha così descritto il sorpasso di Alonso su Massa: "Felipe è stato velocissimo con le morbide, mentre ha avuto qualche difficoltà in più con le dure, tanto che Fernando prima si è potuto riavvicinare e poi è riuscito a passare al comando quando il suo compagno di squadra ha deciso di non creare una situazione di rischio, alla luce del tentativo di rimonta di Vettel che si trovava alle loro spalle".

 

Domenicali parla di situazione "complicata" in entrambi i campionato. Ma la doppietta ha ridato slancio ad una Ferrari che già domenica a Budapest, sulla pista dove Massa rischiò lo scorso anno la vita, a riconfermarsi.: "Crediamo fermamente nelle nostre chance di conquista degli obiettivi che ci eravamo prefissati all'inizio del campionato", ha concluso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -