Gp Malesia, Karthikeyan inguaia Vettel. Webber 4°

Dopo aver dominato la stagione 2011, la Red Bull non ha ancora vinto nel 2012. Ma Mark Webber non vede i campioni del mondo in carica in crisi

Dopo aver dominato la stagione 2011, la Red Bull non ha ancora vinto nel 2012. Ma Mark Webber non vede i campioni del mondo in carica in crisi. Per l’australiano il risultato di Sepang è stato condizionato dalle strategie e dagli incidenti di gara. “Ci sarebbe piaciuto un risultato leggermente migliore – ha affermato Webber dopo il 4° posto -. Ma ci sono stati alcuni piloti che sono stati portati avanti da una buona strategia. Tanto di cappello a loro”.

Webber ha chiarito che nelle condizioni di bagnato è stato “molto difficile trovare il giusto feeling con le gomme e con la vettura – ha sottolineato -. Ero più a mio agio prima della bandiera rossa. Con le intermedie ci è voluto troppo tempo per mettermi a mio agio con la vettura. Con le slick siamo andati meglio, passando Raikkonen e conquistando alla fine il quarto posto”. Peggio è andata a Sebastian Vettel, condizionato da un contatto con la Hrt di Narain Karthikeyan.

“Perdere punti come ho fatto è molto frustrante – ha affermato il tedesco -. Alcune persone hanno bisogno di guardare dove stanno andando. Non mi funzionava la radio ed era importante avere una comunicazione ai box per capire quando rientrare ai box al momento giusto. Ci sono stati problemi con la vettura dopo l'incidente, ma volevo vedere la bandiera a scacchi ed è per questo che non sono tornato ai box anche se non ho conquistato punti. Senza l’incidente il 4° posto era a portata di mano”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -