Gp Ungheria, domina Webber. Alonso ottimo secondo

Gp Ungheria, domina Webber. Alonso ottimo secondo

Gp Ungheria, domina Webber. Alonso ottimo secondo

BUDAPEST - Mark Webber ha fatto suo un rocambolesco Gran Premio d'Ungheria, 12esima prova del mondiale di F1. L'australiano della Red Bull ha preceduto un eccellente Fernando Alonso ed il compagno di squadra Sebastian Vettel. Il tedesco, che scattava dalla pole, è stato condizionato da un penalità inflitta dai commissari per aver rallentato Alonso in regime di safety car per consentire a Webber di avere più margine in vista del suo pit stop.

 

Quarto posto per Felipe Massa davanti alla Renault del consistente Vitaly Petrov, alla Williams di Nico Hulkenberg e alla Sauber Ferrari di Pedro De La Rosa. Hungaroring da dimenticare per la McLaren Mercedes, che ha visto al traguardo il solo Jenson Button davanti alla Sauber Ferrari di Kamui Kobayashi e alla Williams di Rubens Barrichello. Il leader del mondiale Lewis Hamilton è stato costretto al ritiro al 24esimo giro per un problema meccanico.

 

Al via Vettel è schizzato agevolmente al comando, guadagnando un secondo al giro ad Alonso, abile a soffiare la seconda posizione a Webber. Al 15esimo giro un pezzo di alettone sulla pista ha spinto i commissari a mandare in pista la Safety car ed è stato caos. Vettel è immediatamente rientrato ai box per cambiare immediatamente le gomme seguito subito dalla Ferrari di Alonso, da Hamilton e Massa, mentre Webber ha proseguito.

 

Ai box attimi di apprensione per una gomma impazzita persa dalla Mercedes Gp di Nico Rosberg, finita contro la spalla di un meccanico della Williams. Kubica si è invece scontrato con Adrian Sutil: il polacco è stato penalizzato per la manovra scorretta, mentre il tedesco della Force India-Mercedes è stato costretto al ritiro. Alla ripartenza i due colpi di scena: il ritiro di Hamilton e la manovra di Vettel che ha rallentato Alonso, punita con un passaggio ai box.

 

Da li in poi è stato un monologo di Webber, che ha vinto con oltre 17 secondi su Alonso, a sua volta braccato da Alonso. Il mondiale è più che mai aperto: l'australiano della Red Bull ha preso il comando della classifica con 161 punti, quattro in più di Hamilton. Vettel è terzo a dieci lunghezze dal compagno di squadra. Seguono Button e Alonso rispettivamente con 147 e 141 punti. La McLaren ha perso la leadership anche nel mondiale Costruttori. Ora è seconda con 304 punti, 8 in meno della Red Bull. Ferrari terza con 238 punti.

 

Da segnalare anche una durissima polemica tra i due ex compagni di squadra in Ferrari dal 2000 al 2005, Rubens Barrichello e Michael Schumacher. Il tedesco della Mercedes Gp ha stretto in pieno rettilineo il brasiliano che ha rischiato di finire contro il muretto prima di passarlo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -