Imola si prepara a celebrare i venti anni della scomparsa di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger

Imola si prepara a commemorare il ventennale della morte di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger con un quattro giorni di avvenimenti all'autodromo "Enzo e Dino Ferrari"

Imola si prepara a commemorare il ventennale della morte di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger con un quattro giorni di avvenimenti all'autodromo "Enzo e Dino Ferrari". In attesa dell'evento, il tracciato del Santerno ha ricevuto la visita dell'ex campione del mondo di F1 Damon Hilli, compagno di squadra di Senna nella Williams nel 1994. Commentatore per Sky GB, l'inglese è dunque ritornato a Imla per ricordare quei terribili giorni di 20 anni fa, portando il suo contributo a quello che sarà un documentario sull’indimenticato campione brasiliano.

“Sono incredibili le emozioni che ho provato tornando qui sul circuito di Imola - ha affermato Hill -. Un weekend terribile che ha portato a due incidenti mortali che non possono spiegarsi se non come l’accanirsi del destino. Si sono dette tante cose, anche che Imola fosse un circuito pericoloso. Posso affermare che Imola era un tracciato né più né meno pericoloso di tutti quelli su cui correvamo. Perché non esiste circuito sicuro quando vai a quelle velocità". Un ricordo particolare di Ayrton? "Non ne esiste uno ma tanti che non basterebbero ore per raccontarli. Voglio solo dire che era una persona eccezionale oltre che un grandissimo campione”.

Intanto il direttore dell'autodromo "Enzo e Dino Ferrari", Pietro Benvenuti, fa il punto sulle prevendite: "Sono buone e sta crescendo l'entusiasmo, anche attorno all'autodromo come struttura, anche se è difficile fare pronostici. Ventimila spettatori potrebbe essere una quota raggiungibile".

Roberto Elleri

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -