Montreal, trionfa Hamilton. Harakiri Ferrari: Alonso 5°

A Montreal c’è il primo sigillo stagionale di Lewis Hamilton. Il pilota della McLaren Mercedes, settimo vincitore differente in questo spettacolare inizio di stagione, ha conquistato anche la leadership del campionato

A Montreal c’è il primo sigillo stagionale di Lewis Hamilton. Il pilota della McLaren Mercedes, settimo vincitore differente in questo spettacolare inizio di stagione, ha conquistato anche la leadership del campionato complice anche l’harakiri strategico della Ferrari e Fernando Alonso. Gli uomini in rosso hanno provato a cogliere in contropiede Hamilton dopo che quest’ultimo si è fermato per la seconda sosta ai box.

All’inizio l’azzardo sembrava avesse pagato, ma poi Alonso ha dovuto fare i conti con il repentino degrado delle sue gomme soft. E così da primo si è ritrovato quinto, perdendo il podio nel finale a favore ottimi Romain Grosjean (Lotus) e Sergio Perez (al secondo podio stagionale con la Sauber dopo quello conquistato in Malesia) e cedendo il quarto posto a Sebastian Vettel (Red Bull).

Il poleman, dopo il primo pit-stop, si è ritrovato terzo alle spalle di Hamilton e Alonso. Poi quanto l’inglese della McLaren è tornato ai box, ha cercato di emulare la strategia azzardata di Alonso. Ma quando i pneumatici posteriori sono praticamente finiti, il due volte campione del mondo è stato richiamato ai box. Una scelta che gli ha permesso di togliere punti pesanti ad Alonso. Ora è Hamilton a guidare il campionato con 88 punti, con un margine di due lunghezze su Alonso e tre su Vettel.

Sesto posto per Nico Rosberg (Mercedes Gp) davanti alla Red Bull di Mark Webber, alla Renault di Kimi Raikkonen, alla Sauber di Kamui Kobayashi e alla Ferrari di Felipe Massa. A compromettere le chance di podio del pilota brasiliano un testacoda nelle fasi iniziali della corsa mentre occupava agevolmente la quinta posizione."Abbiamo sbagliato – ha commentato il team principal della Ferrari, Stefano Domenicali -. Volevamo vincere e ci abbiamo provato. Purtroppo non è andata bene e ci dispiace. Tuttavia la macchina è cresciuta”.

“Ho perso dei punti su Hamilton, quasi niente con Vettel mentre gli altri hanno perso punti su di me – è l’analisi lucida di Alonso -. Siamo alla settima gara, ancora nessuno ha vinto il Mondiale ma qualcuno sta cominciando a perderlo ed è importante rimanere lì in alto".

Gioioso Hamilton: “Sono passati cinque anni da quando qui ho vinto la mia prima gara e sono emozionato come allora. Sono orgoglioso per la squadra, è stata una delle corse più belle che ho fatto da molto tempo a questa parte”.
 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -