Singapore, Hamilton in pole. Alonso 5°: "Punto al podio"

Il portacolori della McLaren Mercedes, dopo essersi nascosto nelle libere, ha piazzato una straordinaria pole position, fermando il cronometro sul tempo di 1'46"362

E' un Lewis Hamilton scatenato quello che si è presentato sotto i riflettori di Singapore, sede del 14esimo round del mondiale di F1. Il portacolori della McLaren Mercedes, dopo essersi nascosto nelle libere, ha piazzato una straordinaria pole position, fermando il cronometro sul tempo di 1'46"362. Reduce dalla schiacciante vittoria di Monza, l'ex campione del mondo sembra disporre di una monoposto decisamente superiore rispetto alla Ferrari di Fernando Alonso e alla Red Bull di Sebastian Vettel.

L'asturiano ha limitato i danni e scatterà dalla casella numero 5, mentre il tedesco non è andato oltre il terzo tempo dopo aver dominato tutti i turni di libere. A precedere il bi-campione del mondo il venezuelano Pastor Maldonado (Williams), un cliente scomodo sui tracciati stradali. Al fianco di Vettel ci sarà l'altra McLaren di Jenson Button. Solo ottavo Mark Webber (Red Bull), mentre Kimi Raikkonen (Lotus) partirà dalla 12esima piazza davanti a Felipe Massa.

"Arrivare ai tempi della pole era impossibile - ha esclamato Alonso -. Ma la gara si annuncia lunga, con parecchie insidie. Sarà difficile anche dal punto di vista fisico, oltre a considerare il degrado delle gomme e l'affidabilità del cambio per effetto delle numerose curve presenti. Ma punteremo al podio. Il circuito non perdona, ma noi non molleremo".

"Abbiamo lavorato bene per tutto il weekend - ha detto Hamilton -. Sono davvero felice per il tempo realizzato, è stato un giro perfetto. Ora bisogna concentrarsi per la gara, dove conteranno parecchi fattori. Ma non sarà facile". Deluso Vettel: "Il passo c'è, ma non so perchè non siamo stati veloci nella Q3".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -