Test F1 al Mugello, Alonso vola. Ma la pioggia rovina le prove

Prima che un rovescio mettesse definitivamente la parola fine ai collaudi, la migliore prestazione è stata realizzata dalla Ferrari di Fernando Alonso in 1'22"444.

C'è la pioggia a rovinare la prima giornata di test di Formula Uno al Mugello. Prima che un rovescio mettesse definitivamente la parola fine ai collaudi, la migliore prestazione è stata realizzata dalla Ferrari di Fernando Alonso in 1'22"444. Lo spagnolo, in attesa delle novità aerodinamiche previste per giovedì, si è concentrato sul comportamento degli scarichi, collocati in una posizione rispetto alle prime quattro gare.

Per la Ferrari ha debuttato Lawrence Hodge, aerodinamico strappato alla McLaren alla fine del 2011. ''Peccato per la pioggia che ha complicato lo svolgimento dei test e per il pubblico, che meritava più spettacolo", ha affermato Alonso. Lo spagnolo si è detto rammaricato per il maltempo poichè "avevamo un programma di lavoro abbastanza nutrito. Ne abbiamo completata solamente una parte. Non è possibile dare una valutazione seria, perchè non abbiamo girato molto sull'asciutto".

Il due volte campione del mondo, che ha completato 46 giri, ha preceduto la Red Bull di Mark Webber, che ha fermato il cronometro sul tempo di 1'23"648. Seguono la Toro Rosso di Jean-Eric Vergne, la Lotus di Jarom D'Ambrosio e la Mercedes Gp di Nico Rosberg, impegnato sul degrado delle gomme. Al posteriore la casa di Stoccarda soffre troppo scivolamento, mentre all’anteriore tanto sovrasterzo. Nel pomeriggio il vincitore di Shanghai è stato sostituito da Michael Schumacher, tornato al Mugello dopo i trascorsi in Ferrari. L'ultima volta risale al 2009, quando c'era la possibilità di prendere il posto di Felipe Massa dopo il drammatico incidente di Budapest. Per il sette volte campione del mondo solo cinque giri per colpa della pioggia.

Per la Sauber era in pista il giapponese Kamui Kobayashi, che ha portato al debutto una nuova ala anteriore. Rivoluzionati anche scariche e pance, simili alla McLaren. Per la casa di Woking hanno girato i collaudatori Turvey e Paffett. Nel frattempo Webber smentisce le voci che lo vedono in Ferrari nel 2013 al fianco di Alonso, come riportato da El Mundo Deportivo. L'australiano ha ribadito di esser concentrato sulla Red Bull e che occorre ancora tempo prima di iniziare a parlare di mercato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -