Giannini lascia il Gallipoli: ''Non ci sono i soldi per mangiare''

Giannini lascia il Gallipoli: ''Non ci sono i soldi per mangiare''

Giuseppe Giannini ha rassegnato le dimissioni da tecnico del Gallipoli, dopo la sconfitta casalinga contro il Brescia che ha fatto precipitare la squadra pugliese al terzultimo posto in Serie B, in piena zona retrocessione. In una conferenza stampa il ‘Principe' ha spiegato le ragioni dell'addio: "Purtroppo è accaduto quello che non speravamo accadesse - ha affermato -: Abbiamo avuto la conferma che la società non potrà garantire determinate cose".

 

Il presidente D'Odorico ed il direttore generale Iodice - ha aggiunto Giannini - incontrando la squadra hanno finalmente esternato la realtà: non ci sono soldi per andare avanti". Dichiarazioni che hanno lasciato il segno sulla squadra: "I ragazzi hanno accusato il colpo - ha dichiarato l'ex calciatore della Roma -. Nelle loro parole, nei loro atteggiamenti, anche nelle lacrime di più di qualcuno, ho capito che era finito il mio lavoro di allenatore".

 

"Questa notizia ha scoraggiato e buttato giù i ragazzi, che non ricevono gli stipendi da cinque mesi ed arrivano a fatica a comprarsi gli alimenti - ha rilevato Giannini -. E' bene che la gente sappia che in trasferta siamo costretti a pagarci la cena all'autogrill di tasca nostra: non si può allenare in queste condizioni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -