Gp Abu Dhabi, la Red Bull conferma: niente giochi di squadra

Gp Abu Dhabi, la Red Bull conferma: niente giochi di squadra

La Festa Red Bull a Montecarlo

ABU DHABI - Suicidio tattico o coerenza? La Red Bull, che in Brasile ha conquistato il titolo costruttori con una gara d'anticipo, conferma che anche ad Abu Dhabi, dove si assegnerà l'iride Piloti', non ci saranno ordigni di scuderia. Mark Webber e Sebastian Vettel inseguono Fernando Alonso rispettivamente a otto e quindici lunghezze. "Interferire con i piloti non è stata mai un'ipotesi", ha detto il patron della bevanda energetica, Dietrich Mateschitz.

 

Vettel deciderà in piena autonomia di lasciare strada a Webber se quest'ultimo avesse la chance di vincere il titolo. In ogni caso, ha evidenziato il boss del team austriaco, quella di Abu Dhabi sarà una sfida "emozionante, dove la tensione sarà altissima". Mateschitz ha commentato il titolo Costruttori, arrivato a pochi anni dalla nascita del team: "E' motivo di gioia e soddisfazione. Nel 2009 l'abbiamo sfiorato, quest'anno le cose hanno funzionato".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -