Gp Australia, super Vettel in pole. Alonso in affanno

Gp Australia, super Vettel in pole. Alonso in affanno

Gp Australia, super Vettel in pole. Alonso in affanno

MELBOURNE - Un super Sebastian Vettel si è preso la pole del Gran Premio d'Australia, round d'apertura del mondiale 2011 di Formula Uno. Il campione del mondo della Red Bull-Renault ha polverizzato il precedente record del tracciato di Melbourne, fissando il nuovo limite in 1'23''529, precedendo di ben 778 millesimi la McLaren Mercedes di Lewis Hamilton. Red Bull e McLaren hanno monopolizzato anche la seconda fila, con Mark Webber terzo davanti a Jenson Button.

 

Inizio di stagione in salita per la Ferrari, con Fernando Alonso che non è andato oltre un quinto posto ad 1''445 da Vettel e Felipe Massa addirittura ottavo (1'25''559). Che per la rossa sarebbe stato un sabato tutt'altro che semplice lo si è capito già nella prima manche delle qualifiche, con Alonso e Massa costretti già ad usare le gomme morbide per evitare guai peggiori, e con il brasiliano che solo all'ultimo tentativo è riuscito a risalire dalla zona eliminazione all'undicesima piazza.

 

Nella Q3 il brasiliano ha regalato un piccolo brivido, finendo in un tragicomico testacoda a gomme fredde alla prima curva dopo ai box. La 150° Italia è apparsa in affanno in particolar modo nei settori dove conta l'accelerazione e nei cambi direzione. L'ingegner Aldo Costa non ha nascosto la delusione del box della rossa: "Non è andata come ci aspettavamo. Il divario è grande e bisogna lavorare come sappiamo fare. In gara scopriremo il nostro passo gara".

 

Tra Alonso e Massa ci sono la Renault di un determinato Vitaly Petrov (eliminato nella Q1 Nick Heidfeld, sostituto di Robert Kubica) e la Mercedes Gp di Nico Rosberg. Bene Kamui Kobayashi, che ha regalato un sorriso alle popolazioni terremotate del Giappone portando la Sauber al nono posto davanti alla Toro Rosso di Sebastien Buemi. Deludente Michael Schumacher, che non ha confermato i proclami della vigilia piazzandosi solo undicesimo con la Mercedes Gp.

 

Da segnalare un pauroso testacoda della Force India di Adrian Sutil sul rettilineo del traguardo. Il tedesco ha perso il controllo della sua vettura non appena ha aperto l'ala mobile in uscita di curva. Pochi miglioramenti per i team da fondo griglia, con le Lotus di Jarno Trulli e Kovalainen Kovalainen eliminate alla Q1 insieme alle Virgin di Timo Glock e Jerome D'Ambrosio e all'Hrt di Tonio Liuzzi e Narain Karthikeyan, con quest'ultimi che non hanno superato lo scoglio del 107%.

 

Vettel e la Red Bull hanno di fatto spazzato via le voci di un ritrovato equilibrio tra le squadre di punta dopo i test invernali. La storia ha dimostrato che le gare sono un'altra storia, ma sicuramente la dimostrazione di forza dei campioni del mondo in carica è stata netta. McLaren e Ferrari sono già costrette ad inseguire.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -