Guerra Fia-Fota, i piloti si schierano con i team

Guerra Fia-Fota, i piloti si schierano con i team

Guerra Fia-Fota, i piloti si schierano con i team

ISTANBUL - Nella discussione tra Fia e Fota i piloti hanno deciso di schierarsi dalla parte del team. Al termine di una riunione, che si è svolta all'interno del motorhome della Toyota tra Fota e pilota, Jarno Trulli (uno dei sindacalisti della GPDA, l'associazione che riunisce i piloti del circus iridato), ha confermato che i piloti si sono dichiarati in totale sintonia con la Fota e hanno anche detto di essere pronti a seguire le scuderie in una nuova Formula Uno nel caso in cui la Federazione Internazionale non decidesse di cambiare le regole imposte per il campionato 2010. Alla riunione, durata 30 minuti circa, hanno partecipato i portacolori delle otto scuderie che aderiscono alla Fota. Assenti Nico Rosberg e Kazuki Nakajima della Williams e Adrian Sutil e Giancarlo Fisichella della Force India, team che hanno rotto il fronte con la Fota.

 

"Se non ci saranno novità la prossima settimana, ma non credo, si arriverà inevitabilmente a una scissione- ha affermato Trulli -. Noi piloti siamo tutti d'accordo che faremo parte della competizione che i team Fota sceglieranno di disputare nel 2010". Fino ad oggi i piloti erano rimasti fuori dalla politica, ma è stato chiesto un incontro alla Fota per spiegare l'attuale scenario.

 

"Noi piloti siamo tutti d'accordo che faremo parte della competizione che i team Fota sceglieranno di disputare nel 2010 - ha aggiunto l'abruzzese -. Max Mosley (presidente Fia, ndr) deve capire che non si può fare un campionato senza le squadre che contano, che hanno fatto la storia della F1. E che se non darà risposte alle richieste ci sarà inevitabilmente una scissione che nessuno vuole, né i team né i piloti". "Il timore - ha concluso Trulli - è che i tagli di costi e contenimenti del budget possa andare a diminuire la sicurezza stessa delle monoposto".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -