Il Giro piange Wouter Weylandt, commozione anche tra la gente

Il Giro piange Wouter Weylandt, commozione anche tra la gente

Il Giro piange Wouter Weylandt, commozione anche tra la gente

LIVORNO - La carovana rosa ha pedalato unita, in silenzio, rendendo così omaggio a Wouter Weylandt, il ciclista belga morto lunedì pomeriggio in una tragica caduta nel corso della terza tappa del Giro d'Italia. Il gruppo ha percorso i 216 km da Quarto dei Mille a Livorno tra il calore della gente, che a loro modo ha ricordato Weylandt. Tante persone hanno mostrato il numero 108, pettorale con il quale il belga si era presentato al via della corsa.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Livorno hanno tagliato per primi il traguardo, abbracciati e commossi, i compagni di squadra dello sfortunato 26enne fiammingo, assieme allo statunitense Tyler Farrar, della Garmin, grande amico di Weylandt. Sia il team belga che l'americano hanno poi annunciato l'addio alla corsa rosa. "Abbiamo grande rispetto per il Giro e la sua storia, ma non ce la facciamo proprio a correre in queste circostanze", ha affermato il capitano Fabian Wegmann.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -