Inter, rabbia Mourinho: ''Ci battono solo se giochiamo in 6''

Inter, rabbia Mourinho: ''Ci battono solo se giochiamo in 6''

MILANO - Bocche cucite in casa Inter dopo il pareggio interno a reti inviolate contro la Sampdoria. Ma solo davanti alle telecamere. Quello negli spogliatoi del Meazza era un Josè Mourinho imbestialito contro la direzione dell'arbitro Tagliavento, "reo" di due cartellini rossi ai danni di Samuel e Cordoba: "Soltanto in 6 ci possono battere", ha esclamato nel dopo gara.

 

Lo Special One durante il match ha persino mimato il gesto delle manette quando il direttore di gara non ha punito con il cartellino rosso un intervento di Pazzini su Lucio. Il nervosismo in campo è stato trasmesso anche sugli spalti, quando, al 12' del secondo tempo, il pubblico di San Siro ha tirato fuori i fazzoletti bianchi per contestare Tagliavento. Si tratta di un'usanza dei tifosi del Real Madrid quando la squadra gioca male.

 

Il direttore generale della Sampdoria Giuseppe Marotta ha difeso l'operato di Tagliavento. "Credo che tutti i provvedimenti dell'arbitro fossero da assumere e non bisogna esprimere un giudizio negativo - ha dichiarato a fine gara -. Noi invece dobbiamo abbassare i toni, essere sereni e mostrare a tutti che il mondo del calcio non è solo business".

 

Il gesto delle manette di Mourinho? "Non mi sento di commentarlo - ha detto -. Sono amareggiato come uomo di calcio, non ritengo che si debba arrivare a tanto. Il sentimento che provo è di amarezza, abbiamo fatto la nostra partita e non sono rimasti in nove per colpa nostra. Uniti ai tre punti dell'andata sono quattro punti presi all'Inter e per noi è un motivo di grande soddisfazione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -