La Samp spegne i sogni scudetto del Milan

La Samp spegne i sogni scudetto del Milan

GENOVA - La Sampdoria stende il Milan e spegne i sogni rossoneri di scudetto I blucerchiati si sono imposti per 2-1 grazie alle prodezze di Cassano e Pazzini che hanno rimontato il vantaggio iniziale di Borriello: con 57 punti, gli uomini di Gigi Del Neri sono solitari al quarto posto. Il Milan recrimina per una serie di occasioni sciupate. La Samp si è affidata all'estro di Cassano, che al 53' si è procurato un rigore e l'espulsione di Bonera.

 

In inferiorità numerica, al 66' il Milan si è procurato una nitida occasione per tornare in vantaggio, con Storari bravo a respingere la botta di Gattuso. Quattro minuti più tardi Borriello ha sprecato con un inguardabile destro un ottimo assist di Ronaldinho. Nel quarto d'ora finale i blucerchiati schiacciano gli avversari nella metà campo avversaria Al 92' il 2-1 con un'incornata di Pazzini.

 

"E' stata una grandissima emozione - ha affermato Pazzini -. Sto iniziando a realizzare quello che ho fatto solo adesso, non ho avuto neanche la forza di gioire a fine gara". "Questa è una vittoria - ha aggiunto l'attaccante sampdoriano - che vale tanto, così come la prestazione della squadra. Non meritavamo di andare sotto nel primo tempo, ma alla fine siamo riusciti a trovare il successo".

 

"Dopo un brutto periodo la squadra adesso è convinta di poter lottare con tutti - ha affermato Del Neri -. E poi adesso anche il pubblico ci crede e anche oggi ci ha dato una spinta importante. Siamo carichi al massimo". Fondamentale in questa parte di stagione aver ritrovato Cassano: "ha lavorato bene in mezzo alle linee. Alla grande in coppia con Pazzini. Loro due sono giocatori decisivi".

 

Deluso Leonardo: ""Sicuramente la distanza dal primo posto è importante". "Nelle ultime partite i risultati non sono stati quelli che volevamo - ha evidenziato l'allenatore rossonero - ma non ho nulla da rimproverare alla squadra. Il pareggio sarebbe stato un risultato più giusto anche perchè la squadra ha fatto bene. C'è tanto rammarico per un gol preso all'ultimo minuto, ma dal punti di vista della prestazione non ho nulla da dire ai ragazzi".

 

Il brasiliano ha poi evitato le domande sul suo futuro: "Non c'è nulla da dire. La mia preoccupazione in questo momento sono le prossime quattro partite. L'unica cosa a cui penso è il finale di campionato".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -