Maroni: ''Fermare le partite con cori razzisti''

Maroni: ''Fermare le partite con cori razzisti''

Maroni: ''Fermare le partite con cori razzisti''

ROMA - Fermare le partite in caso di cori razzisti. E' l'opinione espressa dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, durante "L'intervista" su SkyTg24 trasmissione condotta da Maria Latella. "È spesso difficile distinguere tra un coro razzista e uno sfottò legato all'appartenenza di un calciatore all'altra squadra - ha detto Maroni -. Ma proprio perchè è difficile, io sono convinto che non si debba sottovalutare". Tuttavia "non dipende dal ministro dell'Interno intervenire".

 

Secondo Maroni la Figc deve darsi delle "regole molto rigide: se c'è anche il minimo dubbio che ci sia un coro razzista l'arbitro deve immediatamente sospendere la partita e prendere provvedimenti conseguenti". Quindi ha fatto un accenno al centravanti dell'Inter, Mario Balotelli: "Io sono milanista - ha precisato Maroni - ma nutro per Balotelli una profonda simpatia. E' un simpatico sbruffone oltre che essere un grande campione".

 

Immediata la replica del presidente della Federcalcio Giancarlo Abete: La Federcalcio è pronta ad assegnare all'arbitro il potere di fermare le partite in caso di cori razzisti, se il Viminale cambierà la sua circolare attualmente in vigore che attribuisce al responsabile dell'ordine pubblico negli stadi l'autorità per prendere questa decisione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -