Superbike, Biaggi ci prende gusto dopo Misano: "Alla prossima possiamo fare bene"

In sella ad un'Aprilia ufficiale, con livrea che ricordava in particolar modo il primo mondiale vinto nelle derivate di serie nel 2010, Biaggi ha portato a casa due sesti posti

"Alla prossima possiamo fare bene". Max Biaggi considera il round di Misano "un rodaggio" in vista della sempre più probabile wild card in Malesia. Il "Corsaro", wild card nel Gran Premio della Riviera di Rimini, ottavo round del mondiale Superbike, si è rimesso in gioco a tre anni dal ritiro dalle competizioni. La classe è rimasta intatta: velocità, precisione, stile di guida sempre impeccabile, sono le doti che l'ormai pilota 44enne (il 26 giugno) ha messo in pista.

In sella ad un'Aprilia ufficiale, con livrea che ricordava in particolar modo il primo mondiale vinto nelle derivate di serie nel 2010, Biaggi ha portato a casa due sesti posti, esaltandosi in particolar mondo nella manche pomeridiana, dove ha chiuso a cinque secondi dal vincitore Jonathan Rea. "Sono contento di questo weekend - ha esordito il "Corsaro" -. E' andato tutto bene e non abbiamo commesso errori. Ancora una volta grazie al Gruppo Piaggio, alla Aprilia, ai ragazzi di Noale che mi hanno permesso di realizzare alla perfezione questa fantastica opportunità".

In Gara 1 l'emozione si è fatta sentire: "Allo scatto del semaforo mi sono divertito. Peccato per i primi giri, quando ti trovi a inseguire fai fatica. Mi manca anche la capacità di sfruttare al massimo le gomme da subito, mentre da metà gara in poi mi sentivo veloce, ma faticando a sorpassare, ho lasciato qualche decimo ogni giro. Gara 2 è andata meglio rispetto alla prima ed ho chiuso con un distacco minimo dal vincitore".

La prova è stata comunque positiva: "Un rientro di questo tipo non è certo facile, ma è stato un weekend molto bello, affrontato con uno spirito diverso da chi corre full time nel campionato. Ora spero nella ciliegina sulla torta, ovvero Sepang. Questo round è stato di rodaggio e lo possiamo considerare davvero soddisfacente. Alla prossima possiamo fare bene”.

“Max ha fatto una cosa meravigliosa, per noi dell’Aprilia e per tutti gli appassionati di moto - ha commentato Romano Albesiano, responsabile Aprilia Racing -. Al venerdì poteva essere comprensibile il suo dominio, per quanto straordinario. In gara Max ha lottato alla pari con piloti che si giocano il Campionato del Mondo, e lo ha fatto tenendo un passo gara fantastico. Sono felice per il modo con cui tutti in Aprilia, dal primo all’ultimo, hanno interpretato questa occasione. Non c’è stato alcun problema, i piloti e i tecnici sono stati bravissimi. Ci siamo voluti concedere, e regalare a tutti, un momento bellissimo che è già nella storia della Superbike”.

Dall'inviato, Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -