Milan, il Ka-Pa-Ro umilia l'Udinese

Milan, il Ka-Pa-Ro umilia l'Udinese

Il Milan demolisce l'Udinese in un tempo, grazie alle magie del tridente d'attacco brasiliano Kakà-Pato-Ronaldinho, ma con i primi due nettamente al di sopra dell'ex fuoriclasse del Barcellona. La squadra di Ancelotti è già sul 3-1 dopo i primi 18 minuti di gara, con la difesa friulana quantomeno imbarazzante, che con un Sala così sarebbe impresentabile anche in un campionato di serie C2. Alla prima uscita ufficiale di Beckham, che prima dell'inizio della partita riceve il caloroso abbraccio del pubblico rossonero, il Milan passa sopra i resti dell'Udinese, che ha racimolato un solo punticino nelle ultime otto giornate.

 

Pronti via e il Milan è già in vantaggio. Lancio lungo di Jankulovski per Favalli, cross al centro dove i quattro difensori friulani si stanno a guardare mentre Pato stacca e di testa insacca alle spalle di Handanovic. L'Udinese prova a reagire, ma con una difesa così viene naturale subire in contropiede il 2-0. Pato vola sulla fascia sinistra, dribbla ancora troppo facilmente Sala e mette in mezzo con un delizioso colpo d'esterno, che Kakà deve solo spingere in rete. C'è spazio per il 3-0, ma Handanovic para un debole tiro di Kakà e sul ribaltamento di fronte la difesa del Milan prova ad emulare quella bianconera, e lascia Di Natale solo in area libero di concludere alle spalle di un incolpevole Abbiati, che poco prima aveva deviato da campione sul palo una bordata da fuori di D'Agostino: 2-1 al diciassettesimo minuto.

 

Il bomber della nazionale non fa in tempo ad esultare che un minuto dopo il Milan triplica: colpo di testa in mezzo di Antonini e Sala, forse ammaliato dallo sguardo della moglie di Beckham in tribuna, si fa sfuggire ancora una volta Pato che insacca nuovamente alle spalle di Handanovic con un preciso tocco di sinistro: al 18' si è già sul 3-1. Il trio brasiliano delizia i palati dei tifosi e il Milan potrebbe dilagare già nel primo tempo, ma troppe leziosità vicini alla porta salvano, almeno per il momento, l'Udinese. I rossoneri trovano il quarto gol sul finire del primo tempo: punizione di Pirlo, Handanovic devia sul palo e la palla ritorna in area. Sala, ancora una volta lui, si dimentica di Seedorf che gli passa davanti per il tap-in vincente: 4-1 e si va negli spogliatoi.

 

Nel secondo tempo il Milan controlla la gara, e l'Udinese continua a regalare imbarazzanti regali difensivi, che Kakà sfrutta con un bel tiro appena dentro l'area di rigore che si infila sotto l'incrocio dei pali. Di Natale, stizzito con Marino che sul 5-1 continua a dargli consigli, dice "se continuamo così ne prendiamo otto", ed effettivamente se il Milan avesse continuato a spingere come il primo tempo il punteggio avrebbe potuto essere non solo tennistico, ma addirittura rugbystico. Finisce con il Milan che tira i remi in barca e si fa vedere da Handanovic solo quando non può fare diversamente, visto che la difesa friulana si apre come le acque del Mar Rosso al passaggio di Mosè.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Milan, dopo la batosta di Torino, torna a respirare e non perde ultetiore contatto dai cugini nerazzurri e dalla Juventus, distante ancora 3 punti. Ma la strada per arrivare in testa alla classifica è ancora lunga, anche se con questo trio davanti tutto è possibile.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -