MotoGp, ad Assen la prima gioia di Spies: ''Gara fantastica''

MotoGp, ad Assen la prima gioia di Spies: ''Gara fantastica''

MotoGp, ad Assen la prima gioia di Spies: ''Gara fantastica''

ASSEN - Assen è meglio conosciuta come l'università della pista. Dove chi vince ha il manico e la stoffa del campione. Ben Spies si è regalato la prima vittoria nel tempio delle due ruote, con una gara pazzesca in sella ad una Yamaha dalla livrea biancorossa per celebrare i 50 anni nel mondo delle corse. 27 anni il prossimo 11 luglio, il pilota di Memphis non è uno qualunque: prima di arrivare in MotoGp ha vinto nel 2010 il mondiale Superbike.

 

Dopo un anno di gavetta nel team Yamaha Tech 3, "Texas Terror" è stato promosso nel team ufficiale al fianco di Jorge Lorenzo. L'inizio di stagione da ufficiale è stato al di sotto delle aspettative, con il primo podio arrivato solo in Catalogna. Ora la carriera di Spies è tutta in ascesa, con l'obietivo di poter lottare per l'iride nel 2012. "E' stata una gara fantastica - ha esordito l'americano - Ho trovato fin da subito un buon feeling con le gomme".

 

"Poi, quando sono caduti Marco Simoncelli e Jorge Lorenzo, ho spinto per costruire un buon distacco. Poi ho pensato ad amministrare il vantaggio. Non avevo più bisogno di spingere, anche se potevo farlo. La moto aveva davvero un buona messa a punto". Ora l'obiettivo è continuare a lottare per le posizioni di vertice: "Abbiamo avuto un inizio di campionato difficile con delle cadute. Ora non posso certo pensare al campionato".

 

"Per vincerlo - ha spiegato Spies - bisogna fare delle vittorie e salire sul podio. Quest'anno pensiamo ad un weekend per volta. Il prossimo anno vedremo". Domenica c'è il Mugello: "Dovrebbe esser un circuito buono per noi. Cercheremo di tirar fuori il massimo dal nostro pacchetto", ha concluso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -