MotoGp, dramma Simoncelli. Il dolore della madre: "Non piangete per Marco"

MotoGp, dramma Simoncelli. Il dolore della madre: "Non piangete per Marco"

MotoGp, dramma Simoncelli. Il dolore della madre: "Non piangete per Marco"

"Non piangete per Marco. Non avrebbe mai voluto vedervi piangere". Dentro la tragedia della scomparsa di Marco Simoncelli c'è il dolore composto di mamma Rossella. Domenica mattina la madre del pilota 24enne era a Coriano, in attesa del rientro del figlio dopo la lunga trasferta lontana dal Vecchio Continente. Erano a Sepang papà Paolo e la fidanzata, la 22enne Kate Fretti. "Perché gli è dovuto capitare questo? - si chiede Paolo Simoncelli -. Un ragazzo pulito, buono".

 

Marco era legatissimo alla famiglia e alla sorellina Martina, 12 anni, sua prima fans. I genitori avevano appoggiato Marco nel vedere esplodere il suo talento nel mondo del Motociclismo. Soprattutto papà Paolo, che lo aveva avviato sulle due ruote all'età di quattro anni nonostante il parere contrario di mamma Rossella. Papà Paolo era sempre vicino a Marco, facendo da parafulmine nei momenti critici e ricordandogli i veri valori della vita.

 

Vicino a Marco, a Sepang, c'era la fidanzata Kate. Pochi mesi fa avevano comprato casa insieme a Riccione. Domenica la giovane bergamasca ha subito capito la drammaticità di quanto accaduto in quel maledetto secondo giro del Gran Premio della Malesia, scoppiando in un pianto a dirotto. Marco e Kate stavano insieme da cinque anni. Conquistata da quel sorriso guascone e da quel fare semplice ed ingenuo che mancherà a tutti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -