MotoGp, flop Rossi a Indianapolis: "Decimo? Non sono sorpreso"

MotoGp, flop Rossi a Indianapolis: "Decimo? Non sono sorpreso"

MotoGp, flop Rossi a Indianapolis: "Decimo? Non sono sorpreso"

INDIANAPOLIS - "Il decimo posto? Non ci sorprende, visto come sta andando quest'anno". Valentino Rossi non ha motivi per sorridere dopo il Gran Premio di Indianapolis, dodicesimo round del mondiale MotoGp. Il portacolori della Ducati non ha confermato la buona prestazione di due settimane fa a Brno: "E' andato tutto abbastanza male - ha confermato il pilota di Tavullia -, ma alla fine aver tagliato il traguardo decimo è un risultato che definisco accettabile".

 

Valentino ha spiegato i motivi della debacle: "Siamo andati bene al mattino, quando era più fresco. Ma quando cerchiamo di andare più forte cado. E' una moto difficile a livello di guida e setting. Ed inoltre quando finisco a terra non è così facile ritrovare subito confidenza", ha chiarito il nove volte campione del mondo. Il pilota di punta di Borgo Panigale ha dovuto fare i conti anche con un problema al cambio della sua GP11.1.

 

"Mi è rimasto diverse volte in folle ed inoltre ho fatto anche un po' di lunghi alla curva 1 perché non avevo il freno motore - ha rilevato -. E alla fine con questi problemi il decimo posto non è da buttare. E' difficile fare questi weekend. Ci basterebbero dei risultati come quelli di Laguna Seca o Brno. Comunque penso che non bisogna mollare e continuare a sviluppare la moto".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rossi ha poi guardato al 2012: "Abbiamo delle cose nuove da provare e spero che il prossimo anno di andare meglio. Con questa moto abbiamo migliorato i tempi, ma sappiamo che dobbiamo fare delle grandi modifiche - ha ammesso il pesarese -. La Ducati sta facendo dei grandi sforzi. Non siamo grandi come  Honda e Yamaha, ci vuole pazienza", ha concluso il "Dottore".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -