MotoGp, Lorenzo domina in Qatar. Pedrosa beffa Stoner, male Rossi

Il chiaro di luna del Qatar dice che il mondiale MotoGp non sarà la fotocopia del 2011. Jorge Lorenzo ha imposto la sua legge a Losail, conquistando i primi 25 punti del 2012.

Il chiaro di luna del Qatar dice che il mondiale MotoGp non sarà la fotocopia del 2011. Jorge Lorenzo ha imposto la sua legge a Losail, conquistando i primi 25 punti del 2012. Lo spagnolo della Yamaha ha fatto prevalere nel finale la sua delicatezza nella gestione delle gomme, attaccando nel finale un Casey Stoner che ha provato anche quest’anno a ribadire il suo rapporto d’amore con la pista di Losail, dove ha vinto cinque volte in sette edizioni.

Stoner ci ha provato, ma si è dovuto accontentare solo del terzo posto, beffato a due giri dalla fine dal compagno di squadra Dani Pedrosa. Ha sorpreso la tenacia di Lorenzo, che non ha mollato quando Stoner era in fuga e Pedrosa era alle calcagna ad insidiargli la momentanea seconda posizione. A premiare lo spagnolo della Yamaha una migliore gestione delle gomme, rispetto ad uno Stoner che è stato condizionato da un problema al braccio destro, con perdita di forza e sensibilità. "E' deludente, speriamo di riprenderci per la prossima gara", ha affermato l'austrliano.

"Andavo al massimo in tutti i giri, Casey ha poi alzato il ritmo e sono riuscito a riprenderlo - ha esordito Lorenzo -. Sono contento per il team che ha fatto un gran lavoro, ma la Honda ha dimostrato di esser competitiva". "E' stato un weekend strano - ha affermato Pedrosa -. E' stata una buona domenica. Buona partenza, ottimo ritmo. Lorenzo è stato più intellingente quando ha attaccato Casey, prendendo il distacco sufficiente per battermi".

Ottimo quarto posto per la Yamaha del team Tech 3 di Cal Crutchlow, che ha preceduto di un nulla il compagno di squadra Andrea Dovizioso. Malissimo Valentino Rossi, solo decimo con la sua Ducati GP12, mentre il compagno di squadra Nicky Hayden ha chiuso al quinto posto davanti alla Honda Gresini di Alvaro Bautista, la Honda LCR di Stefan Bradl e la Ducati Hector Barbera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rossi ha pagato un fuori pista mentre si trovava in piena bagarre per l’ottava posizione nelle fasi iniziali della corsa. Difficile da decifrare la gara del 46, con una buona sequenza di giri alternata a tempi piuttosto alti. Il "Dottore" dovrà lavorare parecchio per poter lottare per la top five, considerando anche il buon livello di competitività delle Yamaha clienti. Il nove volte campione del mondo ha preceduto la Yamaha di Ben Spies, dolorante ad una spalla dopo la brutta caduta di venerdì e sofferente di problemi di chattering. La prima delle CRT è quella di Colin Edwards, 12esima.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -