MotoGp, Lorenzo trionfa a Jerez. Rossi stende Stoner: è polemica

MotoGp, Lorenzo trionfa a Jerez. Rossi stende Stoner: è polemica

MotoGp, Lorenzo trionfa a Jerez. Rossi stende Stoner: è polemica

LOSAIL - La pioggia arrivata a Jerez ha regalato spettacolo nel Gran Premio di Spagna, secondo round del mondiale MotoGp. Nel festival dell'errore di Jerez, Jorge Lorenzo è tornato perentoriamente alla vittoria, bissando il tuffo nel laghetto a bordo pista del 2010. Il campione del mondo in carica è stato bravo ad interpretare le difficili condizioni dell'asfalto e delle gomme da bagnato, che si sono gradualmente sfaldate via via che la traiettoria diveniva più asciutta.

 

"E' stata una gara molto lunga, dove bisognava esser concentrati", ha affermato lo spagnolo al parco chiuso. Con la quindicesima vittoria nella classe regina, la 36esima nel Motomondiale in 148 gran premi, Lorenzo si è preso la leadership del campionato, approfittando del ritiro di Casey Stoner (Honda Repsol), steso da un esuberante Valentino Rossi (Ducati) che era risalito dalla 12esima posizione alla terza. L'australiano non è ripartito, mentre il pesarese ha chiuso quinto grazie alle disgrazie altrui.

 

"Sapevo che andavo forte e pensavo che la vittoria poteva esser vicina - ha detto il pesarese -. Sul bagnato siamo competitivi, mentre sull'asciutto non possiamo puntare a stare con i primi tre. Vuoi per l'asciutto, vuoi per la moto che non è ancora a posto. Bisogna lavorare di fino, ma in Ducati sono tutti molti carichi e aspettiamo delle novità. Speriamo di metterci il meno possibile. Quinto sull'asciutto mi avrebbe fatto felice, ma sul bagnato non tanto".

 

Valentino, consapevole del grave errore commesso, ha poi chiesto scusa a Stoner, presentandosi subito dopo aver tagliato il traguardo nei box Honda. L'australiano le ha accettate, ripetendo al 'Dottore' "no problem", ma con stizza: "La tua ambizione è superiore al tuo talento", l'ha redarguito. Immediata la risposta di Rossi: "Non sa di pasta sono fatto". Un guaio pesante per Stoner, che vede scappare di 20 lunghezze Lorenzo, in testa a quota 45 punti. A nove punti insegue Dani Pedrosa (Honda Repsol), secondo al traguardo davanti a Nicky Hayden (Ducati).

 

"E' stata una gara molto difficile - ha affermato lo spagnolo -. Sono contento perchè ci sono state tante cadute. La spalla mi ha fatto meno male rispetto al Qatar grazie alla pioggia, ma ora mi aspetta l'operazione e spero di esser in forma in Portogallo". Soddisfatto anche Hayden: "Sono felice di questo podio dopo un weekend difficile. La squadra sta lavorando duramente e speriamo ora di tornare ad esser competitivi già dalla prossima gara all'Estoril".

 

Mastica amaro per l'occasione persa Marco Simoncelli, finito a terra mentre si trovava agevolmente al comando della gara. A spegnere i sogni di un gloria un high side nella stessa curva della frittata Rossi-Stoner. "Ci ho provato - ha affermato il portacolori della Honda del team Gresini -. Le condizioni della pista erano brutte e le gomme erano distrutte dopo cinque giri. Si faceva fatica. Tuttavia stavano andando bene e stavo controllando abbastanza bene senza esagerare". Quindi ha spiegato la caduta: "Mi si è chiuso un attimo davanti e poi mi è partita dietro. Un vero peccato. Mi dispiace che i commissari non mi hanno aiutato a tornare in pista. Magari potevo fare una rimonta come Valentino".

 

Giornataccia anche per Ben Spies e Colin Edwards, che hanno dovuto rinunciare al podio a poche tornate dal traguardo. Hanno approfittato del festival delle cadute Hiroshi Aoyama, quarto con la Honda del team Gresini; Hector Barbera (Ducati Aspar) e Karel Abraham (Ducati Cardion Ab) e Cal Crutchlow (Yamaha Monster), anche quest'ultimo a terra mentre occupava la quinta posizione. Seguono Toni Elias (Honda LCR), John Hopkins (Suzuki) e Loris Capirossi (Ducati Pramac). Ultimo Andrea Dovizioso (Honda Repsol), che ha sofferto problemi di gomme.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -