MotoGp, Pedrosa vola. Lorenzo cade, Rossi ride: "Qui la Ducati va bene"

Jorge Lorenzo non avrà vita facile davanti ad un Dani Pedrosa così scatenato. Lo spagnolo della Yamaha è incappato in una scivolata a 17 minuti

Jorge Lorenzo non avrà vita facile davanti ad un Dani Pedrosa così scatenato. Lo spagnolo della Yamaha, per tener il ritmo indiavolato del portacolori della Repsol Honda e principale antagonista alla corsa al titolo, è incappato in una scivolata a 17 minuti dal termine del secondo turno di prove libere del Gran Premio della Repubblica Ceca, dominato dal connazionale con il tempo di 1'56”858. Lorenzo ha comunque chiuso la sessione a 53 millesimi dalla vetta.

Ottimo Andrea Dovizioso: il futuro pilota della Ducati ha portato la sua Yamaha del team Tech 3 a meno di due decimi da Pedrosa, davanti al compagno di squadra Cal Crutchlow. Buon quinto posto per la Honda LCR di Stefan Bradl davanti ad un Valentino Rossi, che finalmente sembra aver trovato la quadra con la Ducati. Il pesarese ha infatti chiuso a 457 millesimi dalla vetta davanti ad Alvaro Bautista (San Carlo Honda Gresini), Ben Spies (Yamaha Factory) e Aleix Espargaró (Power Electronics), miglior CRT.

Il nove volte campione del mondo si è detto soddisfatto, dicendosi ottimista per il resto del weekend alla luce anche dei distacchi inferiori al secondo. “Abbiamo lavorato bene provando assetti e parti diverse per adattare meglio la moto a questa pista – ha dichiarato il pilota di punta della casa di Borgo Panigale -. Inoltre sono finalmente andato più veloce rispetto al solito con la gomma morbida. Non succedeva da tanto. Ora dobbiamo scegliere la gomma per la gara, la migliore sembra la morbida. La dura non ha grip e scivola parecchio in curva”. Dopo le trasferte amare a stelle e strisce, Rossi ritrova il sorriso: “qui la Ducati sembra funzionar bene.”

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -