MotoGp, pole Mugello: Pedrosa brucia Lorenzo. Male Rossi, 10°

Lo spagnolo della Repsol Honda, vincitore domenica scorsa al Sachsenring e fresco di rinnovo contrattuale con la casa giapponese, ha piazzato la sua RC213V davanti a tutti

Dani Pedrosa spiazza tutti e conquista la pole del Gran Premio d'Italia, giro di boa del Motomondiale. Lo spagnolo della Repsol Honda, vincitore domenica scorsa al Sachsenring e fresco di rinnovo contrattuale con la casa giapponese, ha piazzato la sua RC213V davanti a tutti con il nuovo record del tracciato con il tempo di 1'47"284, precedendo il connazionale della Yamaha, Jorge Lorenzo.

Il leader del campionato, dopo aver dominato tutte e tre le sessioni di prove libere e mostrato un passo superiore agli altri, ha dovuto rinunciare alla battaglia finale per la pole per un problema alla sua M1, che si è spenta sul rettilineo conclusivo. In prima fila c'è anche una Ducati, quella del team Pramac di Hector Barbera, che si è fermato a 261 millesimi da Pedrosa.

La seconda fila sarà aperta dalla Ducati ufficiale di Nicky Hayden, a 387 millesimi, mentre Valentino Rossi non è andato oltre la decima piazza con un ritardo di ben 1"218. Al pesarese non ha portato fortuna il casco special edition con la foto di Gianni Morandi che stringe i pugni e la scritta del suo motto durante il Festival di Sanremo "restiamo uniti". Solo quinto Casey Stoner, a 405 millesimi, mentre Andrea Dovizioso ha chiuso settimo a 467 millesimi.

"Le prove sono andate molto bene, sono soddisfatto della pole - ha esordito Pedrosa -. Ma Lorenzo ha un gran passo, speriamo di avere un ritmo come il suo e di riuscire a seguirlo". Lorenzo auspica che il problema che gli è capitato durante le prove non si ripeta in gara: "Sarebbe un disastro. Per il resto va tutto bene". Soddisfatto Dovizioso: "Siamo andati forte, ma abbiamo avuto anche un po' di sfortuna perché abbiamo avuto un po' di problemi al motore. Ma il passo gara è soddisfacente".

Brontola invece Rossi: "“E’ andata piuttosto male - ha esordito il nove volte campione del mondo -. Il problema più grande è stato che, con la gomma morbida, non ho migliorato per nulla mentre gli altri hanno abbassato tanto i loro tempi. Come passo con la gomma dura non siamo messi malissimo". Il portacolori della Ducati ha spiegato di perdere molto nel T4.

Non è soddisfatto nemmeno Stoner: "Non riusciamo a far girare la moto soprattutto nelle curve più lunghe, a fermare il chattering sul retrotreno e alla fine non vengono i tempi - ha esordito l'australiano -. Se riusciamo a sistemare la moto un po’, poi tutto dovrebbe essere più facile, ma finora è stato un weekend difficile. Ma spero di fare una buona partenza e di stare con i piloti davanti, ma Jorge e Dani hanno un altro passo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Moto3 sarà Maverick Vinales (Ftr Honda) a scattare davanti a tutti con il tempo di 1'57"980, precedendo il tedesco Sandro Cortese. Terzo tempo per Rins (Suter Honda), quarto Vazquez. Primo degli italiani è Niccolò Antonelli (Ftr Honda) a 1"381, ottavo Romano Fenati a 1"485. In Moto2 Pol Espargaro è stato il più veloce nonostante la contusione alla caviglia rimediata nelle libere dopo esser stato falciato Zarco alla San Donato. Il francese è stato penalizzato di 15 posizioni sulla griglia. Lo spagnolo scatterà davanti a Marquez, staccato di 69 millesimi. Terzo posto per Andrea Iannone davanti al sammarinese Alex De Angelis.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -