MotoGp, Qatar magico per Stoner. Lorenzo e Pedrosa sul podio. Settimo Vale

MotoGp, Qatar magico per Stoner. Lorenzo e Pedrosa sul podio. Settimo Vale

MotoGp, Qatar magico per Stoner. Lorenzo e Pedrosa sul podio. Settimo Vale

LOSAIL - Ha lasciato sfogare Jorge Lorenzo prima e poi Dani Pedrosa. Poi è salito in cattedra, andando a prendersi con estrema facilità la vittoria. Come da pronostico Casey Stoner ha fatto suo il Gran Premio del Qatar, prima prova del mondiale MotoGp. Il pilota della Honda del team Repsol ha preceduto di 3.440 un felicissimo Lorenzo e di 5.051 uno stremato Pedrosa. Quarto Andrea Dovizioso (Honda Repsol), che ha regolato un ottimo Marco Simoncelli (Honda Gresini).

 

"Non sono partito bene - ha esordito Stoner -. I primi giri tutti erano un po'pazzi. Io sono stato attento. Poi la moto è migliorata. Ho cercato di capire cosa facessero gli altri e poi ho attaccato. Sono riuscito a guadagnare un margine rassicurante ed ho vinto questa gara". Felicissimo Lorenzo: "E' andata meglio di quello che sperava - ha affermato il campione del mondo in carica -. E' stata la miglior gara della mia vita. Sono andato al limite rischiando di cadere, ma mi sono salvato".

 

"Questo secondo posto - ha concluso il pilota della Yamaha - è come un sogno". Deluso Pedrosa, che ha accarezzato fino a metà gara l'idea della vittoria: "Già in prova avevo un problema al braccio sinistro - ha rilevato -. La moto andava benissimo, ma poi non sono riuscito più a tenere il manubrio. Gli ultimi dieci giri ho sofferto. Sono arrivato terzo, ma è stata dura. Non capisco perché c'è stato questo problema".

 

Ha deluso le aspettative Ben Spies (Yamaha), solo sesto davanti ad un Valentino Rossi (Ducati) che ha limitato i danni, ‘beccando' 16 secondi da Stoner. Il ‘Dottore' ha comunque migliorato il passo mostrato nel weekend. Peccato per quei primi giri nei quali ha perso tempo prezioso dietro la Ducati Aspar di Hector Barbera. Quando comincerà a dar del tu alla Desmosedici e soprattutto la spalla sarà al 100% potrà finalmente tornare a combattere per il podio.

 

Alle spalle del nove volte campione del mondo si è piazzata la Yamaha del team Tech 3 di Colin Edwards, la Ducati di Nicky Hayden e la Honda Gresini di Hiroshi Aoyama. Undicesimo Cal Crutchlow (Yamaha Monster Tech 3) davanti alla Ducati di Barbera. Ritirati per cadute Toni Elias (Honda LCR), Randy De Puniet (Ducati Pramac), mentre Loris Capirossi ha accusato un problema alla leva della frizione della sua Ducati. Tra due settimane appuntamento a Jerez. Honda sarà ancora una volta la moto da battere.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovanni Petrillo

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di R_I_C_K_
    R_I_C_K_

    Un gran bell'inizio di moto gp, premesse ottime 2011. Confermate le previsioni di una Honda super imprendibile ma col braccio sx di Pedrosa incognita della stagione. Tutto confermato dalle previsioni, ovvero un Rossi in difficoltà tra moto e spalla, Lorenzo assolutamente campione con Yamaha non irresistibile, bravi Dovi e Super Sic. Stoner marziano 2011

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -