MotoGp, Simoncelli: "Un calvario, ho rischiato la vita"

MotoGp, Simoncelli: "Un calvario, ho rischiato la vita"

MotoGp, Simoncelli: "Un calvario, ho rischiato la vita"

INDIANAPOLIS - Un inizio di gara scoppiettante. Poi la resa, per colpa di una gomma che si è sbriciolata precocemente. Marco Simoncelli non è andato oltre la dodicesima posizione nel Gran Premio di Indianapolis. "Purtroppo la mia vera gara è durata solamente cinque giri, ma c'è n'erano ancora 23 da fare - ha esordito il portacolori della Honda Gresini -. Per tutto il weekend abbiamo avuto problemi con l'anteriore, ma pensavamo d averlo migliorato nel warm-up".

 

"L'anteriore - ha spiegato "Super Sic"  ha avuto subito un calo, poi è stato costante per sette giri. Mentre dal quindicesimo è tornato a calare ed è stato un calvario arrivare fino alla fine. Ho anche rischiato la vita perché la situazione era complicata". Gli altri pilota Honda, Casey Stoner e Dani Pedrosa in primis, non hanno sofferto dello stesso problema: "Forse dipende dal mio peso, ma probabilmente hanno lavorato meglio nella messa a punto della moto", ha dichiarato Simoncelli.

 

"Inoltre la mia guida è diversa dalla loro, sono molto più aggressivo - ha aggiunto -. E' un peccato, perché nei primi giri pensavo di poter puntare anche al podio e mi stavo divertendo, ma poi ho capito subito che non c'è n'era". Quanto al mercato 2012, il "Leone" di Coriano ha spiegato la sua posizione: "Con la Honda sono stato chiaro, gli ho detto che alcune cose non mi andavano bene. Ci dobbiamo vedere a breve, ma resto comunque ottimista".

 

Non è da escludere un clamoroso passaggio in Ducati: "Fino a quando non firmo tutte le porte restano aperte". Domenica prossima Simoncelli avrà la possibilità di riscattarsi nel Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, a pochi chilometri da casa: "Spero di poter fare tutta la gara come i primi 5 giri".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -