MotoGp, Stoner impetuoso ad Aragon. Vale arranca

MotoGp, Stoner impetuoso ad Aragon. Vale arranca

MotoGp, Stoner impetuoso ad Aragon. Vale arranca

ARAGON - Impetuoso Casey Stoner. Il portacolori della Repsol Honda ha fatto suo il Gran Premio di Aragon, 14esimo round del mondiale MotoGp, riportando a 44 i punti di vantaggio su Jorge Lorenzo, che ha concluso un difficile weekend con il terzo posto. A sandwich tra i due pretendenti all'iride 2011 Dani Pedrosa. Stoner ha avuto vita facile, costruendo un gap imbarazzante nei primissimi giri a suon di giri record. Poi ha frenato ed amministrato.

 

"E' la seconda vittoria consecutiva qui ad Aragon, con moto diverse e condizioni diverse - ha esordito Stoner -. Siamo stati competitivi per tutto il weekend. Tutto è andato per il meglio. Potevo solo perderla. Sapevo di aver il potenziale per vincere. Non sono partito bene, ho avuto un po' difficoltà. Poi ho trovato il giusto feeling e sono riuscito ad imporre il mio ritmo. Il team ha fatto un ottimo lavoro e anche la gestione delle gomme è stata buona".

 

"Ho dato il massimo, ma Casey andava molto forte nel T1 - ha spiegato Pedrosa -. Ho provato a migliorarmi, ma non ci sono riuscito. A metà gara la gomma scivolava tantissimo, facendo fatica a tenerla dritta e derapando parecchio". "E' stato molto difficile, soprattutto nella prima parte - ha osservato Lorenzo -. Avevo davanti a me Spies e Simoncelli, ma sapevo che avrebbero avuto problemi al pneumatico posteriore. Terzo è il meglio che potessi fare".

 

La gara non ha offerto particolari emozioni, con Marco Simoncelli (Honda Gresini) e Ben Spies (Yamaha) che hanno duellato per la quarta posizione a metà gara. Trasferta spagnola da dimenticare per Valentino Rossi. Partito dai box per aver puntellato il settimo motore in questa stagione, il pesarese è risalito fino alla decima posizione. La migliore delle Ducati è stata quella di Nicky Hayden, solo settimo, preceduto dalla Suzuki di Alvaro Bautista.

 

L'americano ha avuto un corpo a corpo con la Ducati Mapfre di Alvaro Bautista, che ha tagliato il traguardo all'ottavo posto davanti alla Yamaha Tech 3 di Cal Crutchlow. Nel finale momenti di paura per un incidente che ha visto coinvolti Loris Capirossi e Toni Elias. L'imolese della Ducati Pramac ha tamponato la Honda LCR dello spagnolo, battendo violentemente con la spalla sull'asfalto. Il veterano poi si è rialzato dopo esser rimasto per qualche istante per terra.

 

Aragon amara per Andrea Dovizioso, caduto dopo poche centinaia di metri. "Sono dispiaciuto perchè potevamo giocarci il podio - ha affermato il forlivese -. E' una mazzata per il campionato". Ora il "Circus" del Motomondiale saluta l'Europa per il trittico Giappone, Australia e Malesia, prima del gran finale di Valencia, dove si prevede la passerella di Stoner e l'epilogo di una stagione da dimenticare per Rossi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -