MotoGp, Valentino insegue: ''A maggio sarò in forma''

MotoGp, Valentino insegue: ''A maggio sarò in forma''

MotoGp, Valentino insegue: ''A maggio sarò in forma''

SEPANG - Valentino Rossi continua ad inseguire Honda e Yamaha. Il campione di Tavullia ha inanellato altri 42 giri in sella alla nuova Ducati GP11, lontano però dal best-time di Dani Pedrosa in 2'00''770: il pesarese ha infatti accusato un ritardo di ben 1.827, colpa di una condizione fisica non ancora al top. Tuttavia la spalla destra operata il 14 novembre scorso per l'infortunio patito lo scorso aprile con la moto da cross non peggiora e Rossi non soffre eccessivamente.

 

Mercoledì Valentino ha disputato la seconda giornata di test a Sepang senza dover ricorrere agli anti-dolorifici. "Andando in moto la spalla addirittura migliora perché riesco a fare i movimenti che mi servono - ha spiegato l'alfiere della rossa -. Naturalmente poi ad un certo punto comincio a perdere forza, il dolore aumenta e sicuramente alla fine anche oggi era un handicap". Il programma di sviluppo della Desmosedici prosegue quindi a ritmo frenetico.

 

"Siamo riusciti a fare un buon lavoro, costante - ha ammesso l'ex pilota della Yamaha -. Abbiamo provato delle carene nuove, facendo diverse prove di aerodinamica. Non siamo riusciti ad eliminare un po' di vibrazioni sull'anteriore ma per questo abbiamo delle carte da giocarci giovedì". La Ducati è una moto ancora da scoprire: "Dobbiamo anche fare un po' di pratica per capire bene le reazioni della moto quando cambiamo gomme, dalle morbide alle dure o viceversa".

 

Per l'ultima giornata di test Valentino proverà a migliorare il riscontro cronometrico: "Se il tempo rimarrà buono le condizioni della pista continueranno a migliorare e penso che i tempi sul giro si potranno abbassare un po'. E' uno dei nostri obiettivi naturalmente, oltre a continuare a sentire sempre meglio la moto e riuscire a guidare con meno difficoltà". Insomma c'è ottimismo: "Siamo soddisfatti, stiamo andando avanti".  

 

Quanto alla spalla, "ci vuole ancora tempo", ha commentato Rossi. "La situazione sicuramente andrà meglio, ma questo accadrà a maggio. Solo allora potremo lavorare in modo più approfondito sulla moto, perché tutto quello che facciamo oggi potrebbe essere messo in discussione, quando, con la condizione fisica a posto, usciranno tempi migliori".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -