Superbike, Gara 2 Gp Usa. Checa sbaglia. Vince Melandri, Biaggi 3°

Carlos Checa prima domina Gara 1 davanti a Marco Melandri e Max Biaggi. Poi scivola al settimo giro della manche pomeridiana

Carlos Checa prima domina Gara 1 davanti a Marco Melandri e Max Biaggi. Poi scivola al settimo giro della manche pomeridiana, interrotta al terzo giro per una perdita di olio dalla Honda di Hiroshi Aoyama caduto senza conseguenze fisiche, e vede il “Corsaro” dell’Aprilia scappare in classifica. Anche la trasferta al Miller Motorsport ha riservato non pochi colpi di scena, regalando un Melandri in splendida forma che è tornato sul gradino più alto del podio dopo gara 1 a Donington.

Il pilota di Ravenna, con Checa ko, ha mantenuto i nervi ben saldi quando Jonathan Rea ha provato più volte ad attacarlo. Ma il portacolori della Bmw lo ha bruciato con un bellissimo sorpasso in fondo al rettilineo del traguardo  all'inizio dell'ultimo giro. L’irlandese ha tentato di replicare, ma senza fortuna. Melandri, al sesto successo nel campionato delle derivate di serie, è ora uno degli avversari più temibili per Biaggi, terzo anche in Gara 2: i due sono separati da 18 punti.

“Lo scorso anno ero andato male con la Yamaha e anche la Bmw faticava – ha esordito Melandri -. Ma ora è tutto cambiato. E’ stata una gran gara, anche il secondo posto mi avrebbe fatto contento perché qui Checa è davvero tosto. Ma ho avuto un pizzico di fortuna, il suo errore mi ha spianato la strada”. Per il campionato Melandri ha le idee chiare: “Non sarà una partita a due con Max. Siamo in cinque racchiusi in trenta punti. Dovremo lottare curva dopo curva”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche Biaggi la pensa allo stesso modo del ravennate “Contro un Melandri così bisogna tornare a vincere – ha esclamato il “Corsaro” -. Ma ora la Bmw ha lo stesso vantaggio che la mia Aprilia aveva due anni fa. Dovremo inventarci qualcosa. Non ci sono novità da provare, ma qualcosa ci inventeremo.” Queste le parole di Checa: “Nella seconda manche stavo spingendo forte in quanto avevo fiducia nella moto e nella gomma ma evidentemente ho spinto un po’ troppo, e mi si e’ chiuso lo sterzo”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -