Superbike, Miller. Prime qualifiche a Smrz. Poi Checa, Melandri e Biaggi

Ben dodici piloti racchiusi in meno di un secondo. Estremo equilibrio nel primo turno di qualifiche del Gran Premio degli Stati Uniti, sesto round del mondiale Superbike

Ben dodici piloti racchiusi in meno di un secondo. Estremo equilibrio nel primo turno di qualifiche del Gran Premio degli Stati Uniti, sesto round del mondiale Superbike che si disputa al Miller Motorsport. Dopo una mattinata fredda e piovosa, nel pomeriggio ha fatto capolino il sole, anche se la sessione è stata condizionata dal vento. La migliore prestazione è stata realizzata dalla Ducati del team Effenbert Liberty Racing di Jakub Smrz in 1’49”842, precedendo di 70 millesimi la Ducati Althea di Carlos Checa.

“Credo che riusciremo a fare delle buone gare – ha affermato Checa -. Abbiamo un bel riferimento e credo che dobbiamo sfruttare questo per poter fare una crescita ed un risultato che mi soddisfi. Domenica continueremo con questo lavoro, ma posso dire che mi sento davvero molto bene”. Terzo tempo per la Bmw di Marco Melandri (+0.196) davanti all’Aprilia del leader del campionato Max Biaggi (+0.249), quest’ultimo condizionato al mattino da un problema meccanico.

“Considerando che ho praticamente saltato le prove libere, non siamo partiti male qui al Miller – ha esordito Biaggi -. Ovviamente ci sono delle aree su cui dobbiamo lavorare, specialmente dove perdevamo decimi preziosi anche lo scorso anno. Imposteremo il lavoro in base alle indicazioni raccolte, con interventi specialmente sul setup delle sospensioni ma non solo. Cronometro alla mano, verificheremo in pista gli effetti delle modifiche”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle spalle del “Corsaro” si sono piazzate le Ducati di Davide Giugliano (Althea) e Sylvain Guintoli (Liberty Racing), che a loro volta hanno preceduto la Honda di Jonathan Rea, l’Aprilia di Eugene Laverty e la Kawasaki di Tom Sykes. Solo 12esima la Bmw di Leon Haslam, davanti alle S1000RR del team Motorrad Italia di Michel Fabrizio e Ayrton Badovini. Così gli altri italiani: 18esimo Niccolò Canepa, 23esimo Lorenzo Zanetti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -