MotoGp, domenica si parte: Vale Rossi a caccia del titolo

MotoGp, domenica si parte: Vale Rossi a caccia del titolo

LOSAIL – E’ tutto pronto per l’avvio del campionato mondiale di MotoGp, che scatterà sabato sul circuito di Losail in Qatar. Saranno diciotto le gare da contendersi e che toccheranno 4 continenti e 15 nazioni. Con il primo Gran Premio della stagione comincia una nuova fase della storia della MotoGp, in cui le nuove moto da 800cc di cilindrata prendono il posto delle 990cc, a loro volta protagoniste della categoria dal 2002 al 2006.


Un motivo di interesse in più per gli appassionati italiani, e romagnoli in particolare, arriva dal neonato Gran Premio della Repubblica di San Marino, che si disputerà in settembre all’autodromo ‘Santamonica’ di Misano Adriatico.

Honda, Yamaha, Ducati, Suzuki, Kawasaki, KR e Ilmor, reduci da un fruttuoso periodo di test pre-campionato sulle piste di Spagna, Australia, Malesia e Qatar, sono pronti a contendersi il titolo mondiale 2007. Favorito d’obbligo è il team Honda Repsol con il campione del mondo Nicky Hayden e Daniel Pedrosa.

Il primo tenterà il tutto per tutto per difendere l’ultimo titolo dell’era 990cc conquistato ai danni di Valentino Rossi nella gara conclusiva di Valencia: ‘’L'attesa è finita e sono carico per ricominciare a correre. Sarà per me motivo di orgoglio schierarmi col numero 1. Ma fa già parte della storia dell'anno scorso. Ora dobbiamo dimostrare di essere veloci per difendere il titolo fin dalla prima gara perché la competizione nelle MotoGP è altissima," ha dichiarato il pilota americano.

Più che Hayden, a impressionare per la costanza e la facilità nel portare la nuova Honda RC212V al limite della competitività è stato lo spagnolo Pedrosa, il principale avversario, a detta di molti, per la conquista del primo campionato della storia dell’era 800cc: ‘’ Finalmente dopo tanti test invernali è arrivato il momento di fare sul serio. Sarà interessante vedere finalmente come andrà la nuova 800cc in gara. Ho apprezzato la guida della RC212V nelle prove, la taglia più piccola mi facilita i movimenti rispetto alla 990cc’’ ha dichiarato il giovane talento spagnolo.


Fresco del matrimonio con la Fiat, il team Yamaha cercherà con Valentino Rossi e Colin Edwards di ritrovare con continuità il gradino più alto del podio come accaduto dal 2003 al 2005. Rossi, reduce dallo schiaffo morale del 2006, sembra più determinato che mai a riconquistare il numero 1 ed Edwards, durante i test invernali, è sembrato più competitivo rispetto alle precedenti stagioni. “Siamo stati veloci in tutte le piste e la moto è competitiva – ha dichiarato Valentino Rossi -, ma nelle ultime prove abbiamo avuto alcuni problemi con le gomme. Spero che per sabato prossimo riusciamo a risolvere questo problema con la Michelin. Quest’anno siamo in forma e carichi. Il risultato dello scorso anno ci ha lasciati con l’amaro in bocca e vogliamo riscattarci. Pedrosa è sembrato il più costante nei test ma penso che anche Nicky Hayden, Loris Capirossi e il mio compagno di squadra Colin Edwards potranno lottare per il titolo"..

Sulla stessa lunghezza d’onda del talento italiano anche il texano: ‘’ Nella scorsa stagione abbiamo avuto diversi problemi, ma quest’anno penso che sarà tutt’altra cosa grazie alla nuova moto. Abbiamo fatto bene a Sepang e in Qatar, confermandoci veloci anche a Jerez dove è richiesto un settaggio differente. Sono convinto che abbiamo un ottimo pacchetto per tutta la stagione. L’obiettivo è quello di vincere, per cui non vedo l’ora di cominciare".


Terza forza del mondiale è sicuramente il team Ducati Marlboro con la GP7. Loris Capirossi è consapevole che gli restano poche stagioni davanti a se prima di appendere il casco al chiodo, quindi il 2007 può esser l’anno buono per portare l’alloro a Borgo Panigale: "Questa stagione è particolarmente importante per me perchè non ne ho ancora molte davanti, forse una o due, forse di più ma non ne sono sicuro. Perciò sono più che mai determinato a fare del mio meglio e la prima gara è molto importante''.


La Ducati quest’anno ha affiancato al veterano imolese l’australiano Casey Stoner, costante nel corso delle prove pre-campionato: ‘’Non potrei essere più contento della squadra, tutti danno il massimo e la moto è migliorata costantemente in ogni pista in cui siamo stati. Sembra molto competitiva, così come le gomme’’.


Il compito di insediare Honda Repsol, Fiat Yamaha e Ducati Marlboro, spetta al team Honda Gresini con la punta Marco Melandri e con lo spagnolo Toni Elias, vincitore lo scorso anno del Gran Premio del Portogallo. ‘’Ci siamo preparati molto nei test invernali lavorando con metodo, concentrati sul ritmo di gara piuttosto che sul giro singolo. La moto mi piace molto, soprattutto la ciclistica, ho un buon feeling e sono tornato a divertirmi’’ ha analizzato il romagnolo.

Quest’anno, oltre alla nuova Honda RC212V, Melandri ha correrà con le gomme Bridgestone. ‘’Credo molto nel pacchetto Honda-Bridgestone ed ho la massima fiducia nei nostri partner, Honda HRC e Bridgestone – ha riferito il romagnolo che ha aggiunto - Sono contento anche se c'è ancora del lavoro da fare’’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ruolo di outside spetta al team Rizla Suzuki con John Hopkins e Chris Vermeulen, alle Ducati del team D’Antin con il rientrante Alex Barros e il tedesco Alex Hofmann, alle Kawasaki Ninja ZX-RR con Randy De Puniet e Olivier Jacque, alla Honda del Team Konica Minolta di Shinya Nakano, a quella del team di Lucio Cecchinello di Carlos Checa, alle Yamaha del team Tech 3 di Makoto Tamada e Sylvain Guintoli e alle Ilmor di Jeremy McWilliams e Andrew Pitt.

Giovanni Petrillo

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -