MotoGp, Lorenzo cade a Phillip Island: ''Colpa mia''

MotoGp, Lorenzo cade a Phillip Island: ''Colpa mia''

MotoGp, Lorenzo cade a Phillip Island: ''Colpa mia''

PHILLIP ISLAND - La pista di Phillip Island ha emesso una dura sentenza: Jorge Lorenzo ha ancora bisogno di farsi le ossa prima di fare quel salto di qualità da consentirgli di lottare per il titolo mondiale. Vero è che lo spagnolo della Yamaha non ha mai parlato di iride, ma dopo la superlativa prestazione di Estoril che gli aveva permesso di ridurre a 18 i punti di distanza da Valentino Rossi un pensierino l'aveva cominciato a fare.

 

Ed invece ‘Giorgio' ha rovinato tutto alla partenza, capitolando alla prima curva per un banale errore. "Sono deluso per questo incidente, non per il campionato, ma per il mio errore, non mi aspettavo questo tipo di errore", ha dichiarato il maiorchino. "Questo è ciò che accade nelle corse, ma per fortuna non mi sono fatto male".

 

Lorenzo ha così spiegato la caduta: "E' stata colpa mia, ho calcolato male la distanza dalla linea e la frenata e ho tamponato Nicky (Hayden,ndr) - ha esordito -. Pensavo di poter rimanere in pista dopo il contatto ma la leva del mio freno anteriore si era rotta e così quando ho cercato di frenare ho dovuto utilizzare quello posteriore scivolando". "Voglio chiedere scusa a Nicky perché ho rovinato la sua gara", ha aggiunto.

 

L'errore ha permesso a Valentino di guadagnare venti punti pesantissimi: ora il distacco tra il pilota di Tavullia ed il compagno di squadra è di 38 punti: "Il titolo è lontano - ha ammesso Lorenzo -, ma in ogni caso ora voglio solo guardare avanti alle ultime due gare".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -