MotoGp, Lorenzo conquista Brno. Paura Dovi, solo quinto Rossi

MotoGp, Lorenzo conquista Brno. Paura Dovi, solo quinto Rossi

MotoGp, Lorenzo conquista Brno. Paura Dovi, solo quinto Rossi

BRNO - A Brno arriva il settimo assolo stagionale di Jorge Lorenzo. Il portacolori della Yamaha del team Fiat ha dominato il Gran Premio della Repubblica Ceca, decimo round del mondiale MotoGp, precedendo il connazionale Dani Pedrosa (Honda Repsol) e la Ducati di Casey Stoner. Buon quarto posto per la Yamaha del team Monster del texano Ben Spies, davanti ad un Valentino Rossi sotto tono e ad uno stoico Nicky Hayden (Ducati), condizionato dalla frattura del polso sinistro.

 

LORENZO PADRONE - Lorenzo, scattato dalla terza posizione, si è messo davanti a tutti sin dal primo giro, per poi suonarle di santa ragione al poleman Pedrosa, infliggendogli oltre cinque secondi al traguardo. "E' stata una gara dura, dove bisognava stare attenti non solo alla moto ma anche alle gomme e al vento", ha affermato a caldo il maiorchino. .77 punti di margine su Pedrosa quando mancano otto gare alla fine sono un margine più che rassicurante. Il pilota della Honda Repsol ne è consapevole, sorridendo per il secondo posto: "Non sono riuscito a tenere il ritmo di sabato. La moto scivolava troppo e stare con Lorenzo non era possibile - ha affermato lo spagnolo -. E' un risultato positivo dopo la caduta di Laguna Seca".

 

PODIO STONER - Ancora un podio per Stoner, arpionato dopo un breve duello su Spies: "Non sono soddisfatto perchè non sono in grado di lottare per la vittoria - ha affermato l'australiano -. Sono deluso, pensavo di fare meglio, ma già nel giro di ricognizione ho capito che c'era qualcosa che non funzionava. Ho avuto un problema all'anteriore che mi si chiudeva. Nel finale la situazione è migliorata, ma era già tardi".

 

VALE HA DELUSO - Chi ha deluso è stato Rossi, incapace di recuperare sul gruppo di testa dopo una brutta partenza complice uno scarso feeling con l'anteriore. Pochi gli squilli del 'Dottore', quando ha infilato nell'ordine Colin Edwards (settimo al traguardo con la sua Yamaha del team Monster) e Hayden. Le uniche emozioni degni di nota le hanno regalate nel finale Marco Melandri (Honda Gresini), Randy De Puniet (Honda LCR), Marco Simoncelli (Honda Gresini) e Hector Barbera (Ducati Aspar) per la battaglia per l'ottava posizione. Solo 13esimo Alex De Angelis, alla sua ultima gara con la Honda del team Interwetten. Da Indianapolis tornerà in sella alla RC212V il giapponese Hiroshi Aoyama.

 

PAURA PER DOVIZIOSO - Brno amara per Andrea Dovizioso (Honda Repsol) e Loris Capirossi (Suzuki), entrambi usciti di scena nelle battute iniziali della corsa. Il forlivese dopo aver perso il controllo della sua RC212V, è pericolosamente rimasto in mezzo alla pista, venendo schivato dagli altri piloti. "Me la sono vista brutta - ha ammesso il romagnolo -. Mi dispiace tantissimo, perchè avevamo il passo per salire sul podio e magari giocarmela con Pedrosa".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -