MotoGp, Rossi epico a Laguna Seca: ''Il campionato è ancora lungo''

MotoGp, Rossi epico a Laguna Seca: ''Il campionato è ancora lungo''

MotoGp, Rossi epico a Laguna Seca: ''Il campionato è ancora lungo''

LAGUNA SECA - Gara epica a Laguna Seca. Valentino Rossi contro Casey Stoner. Più che un duello su pista sembrava un match di pugilato, ricco di sorpassi e di giri veloci. Un ritmo insostenibile per la concorrenza. Alla fine la legge dello sport pretendeva un solo vincitore. A sorpresa (è doveroso dirlo dopo il dominio dell'australiano durante il fine settimana) è stato Rossi a vincere negli States, portando a 25 i punti di vantaggio in campionato su Stoner.

 

Il portacolori della Yamaha è stato autore di un qualcosa di impossibile in poche ore, quello di riuscire a ricucire completamente il gap da uno Stoner incredibile fino a domenica mattina. "Che gara, da mettere delle prime tra le più belle della mia carriera per l'intensità ed il passo - ha commentato a caldo il "Dottore" - E' stata una grande battaglia. Mi è piaciuta e mi sono divertito".

 

LAMENTELE - Rossi ha respinto le lamentele avanzate da Stoner, che al termine della gara ha evidenziato qualche manovra al limite della correttezza del rivale. "Mi dispiace che si sia lamentato - ha dichiarato il sette volte campione del mondo -, ma penso che derivi dal fatto che sia arrivato secondo. I sorpassi sono stati tosti, ed io li ho effettuati in frenata dove sono più forte. Lui mi ha persino toccato con una gomma". "Ero veloce e volevo vincere - ha proseguito Rossi -. E' da parecchio che corro e queste sono le gare".

 

VITTORIA - Rossi ha vinto con il cuore. Per tutto il fine settimana l'australiano le ha suonate a tutti, ma sia il pesarese che i tecnici della Yamaha ci hanno creduto fino in fondo, impegnandosi al massimo per ricucire il gap da Stoner. "Non ho mai mollato - ha ammesso il talento italiano -. Abbiamo fatto importanti modifiche che ci hanno consentito di togliere tre decimi. Sono partito forte e dopo aver passato Hayden ho pensato a Stoner".

 

IL CAVATAPPI - Memorabile il terzo giro, con il ‘Dottore' che ha schiaffeggiato la Ducati numero 1 nella leggendaria curva del "Cavatappi". "Quel sorpasso è stato fantastico - ha ammesso il vincitore -. E' una curva particolare, la terra aveva un buon grip".

 

VACANZE - Rossi va in vacanza con un 25 punti di vantaggio su Stoner. "Attenzione - ha avvertito il pesarese -. Per battere Stoner ho fatto parecchi sacrifici. E' bello andare in vacanza con una vittoria, ma dobbiamo rimanere concentrati perché è un avversario tosto e il campionato è lungo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -